Verso il Partito Democratico: pensieri, idee e proposte

Con la caduta del muro di Berlino e la fine della contrapposizione tra i blocchi si è conclusa, di fatto, un’era storica e politica e si sono aperti nuovi scenari internazionali.

Anche in Italia il dopo Yalta ha creato grandi cambiamenti culturali, sociali e politici. Sono di fatto scomparsi gran parte dei soggetti politici che avevano caratterizzato la prima repubblica, si sono frantumate le rappresentanza politiche e sociali, ed è cominciato un percorso di transizione verso una nuova fase.

Dal 1996, anno della vittoria elettorale di Prodi, è cominciato infatti un lavoro di confronto e sintesi tra storie, culture e tradizioni diverse, che è sfociato nella nascita di nuovi soggetti politici: la Margherita, frutto della fusione tra il Partito Popolare, I Democratici dell’Asinello e Rinnovamento Italiano di Dini, ma soprattutto l’Ulivo, contenitore comune dei partiti del centrosinistra, poi divenuto Uniti dell’Ulivo, strumento di coagulo, per alcuni, verso il nuovo Partito Democratico.

Nell’era della globalizzazione ritengo essenziale cominciare a discutere di tale prospettiva politica, partendo dal livello locale perché i partiti nascono e muoiono innanzitutto in relazione alla loro capacità di interpretare i cambiamenti e i bisogni più veri della gente.

Mi pare, invece, che ad oggi il dibattito si limiti ai vertici e a ristrette elite di intellettuali e politologi.

Attraverso questo blog desidero aprire una sede libera di confronto sul nostro futuro politico.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

22 comments to Verso il Partito Democratico: pensieri, idee e proposte

  • Anonimo

    l’equazione: Margherita=Partito Democratico dopo il governo di questi amministratori (mi auguro ormai alla fase finale) mi conforta e mi fa ben sperare per il futuro politico del sistema Italia che è da riprogettare. Ma anche l’equazione Margherita=religione cattolica e cattolicesimo mi conforta molto. Penso che con questi due fondamenti si possa fare tanto e penso che Damiano Zoffoli li abbia fortemente radicati in sè… persona che sa arrivare ai cuori

  • Roberto Pasini

    Battaglia sullo statuto
    e il PD in quattro mosse…

    Due carichi appesantiscono oggi le segreterie di partito, che ad esse derivano da un sistema sociopolitico passato e che oggi risultano abnormi: il potere di indicazione dei candidati e quello di indicazione della linea politica. La floridita’ di una formazione politica contemporanea e’ ancorata al livello di devoluzione di quei poteri a beneficio della multiforme area che compone il suo consenso elettorale, non piu’ identificabile con la sempre piu’ ristretta schiera di iscritti e aderenti di cui le segreterie politiche sono espressione. In assenza di questa devoluzione l’area di consenso tende a restringersi e scomparire tanto piu’ velocemente quanto piu’ l’elettorato d’opinione e’ coperto dall’elettorato militante.

    Perche’ a volte ho l’impressione che stiamo sbarcando sulla piattaforma del nuovo secolo come macilenti colonizzatori che, inadeguatamente, ne auscultano l’atmosfera con anacronistici corni ac

  • Roberto Pasini

    ustici e ne esplorano i paesaggi con le lenti appannate dei loro binocoli, sono convinto saremo presto chiamati a una battaglia fatale sullo statuto che segnera’ in modo determinante non solo la costituzione, ma anche il destino del Partito Democratico.

    Per condurla propongo quattro semplici mosse:
    1. gli iscritti e gli aderenti eleggono le segreterie dei diversi livelli del partito.
    2. le segreterie di partito ai diversi livelli sono deputate all’organizzazione e alla gestione delle consultazioni primarie.
    3. le consultazioni primarie sono aperte a tutti i sostenitori iscritti e non, per l’individuazione dei candidati alle cariche monocratiche (sindaci, presidenti di provincia, presidenti di regione) e a quelle consiliari (consiglieri provinciali, consiglieri regionali, parlamentari).
    4. i gruppi consiliari degli eletti dei diversi livelli sono depositari di un mandato politico largo, oltre che amministrativo, ed esercitano la delega alla rappresentanz

  • Roberto Pasini

    a ricevuta dagli elettori tracciando la linea politica del partito.

  • Popi

    In questo periodo di campagna elettorale, dove l’impegno è indirizzato alla vittoria dell’Unione con il massimo risultato possibile, è importante che si apra il confronto sul Partito Democratico: significa che crediamo nella vittoria e guardiamo al dopo. A mio avviso la questione non è del SE, ma del COME. Mi spiego. La razionalizzazione delle forze partitiche è una esigenza di stabilità, malgrado la attuale legge elettorale. Quindi ben venga il Partito Democratico. Ma se questa è la sola somma algebrica di DL e DS, il valore aggiunto del “popolo delle primarie” dove finirà? E’ INDISPENSABILE, quindi, creare VERI e CONCRETI spazi partecipativi per quella parte di 4 milioni ed oltre di persone che sono andati a votare alle Primarie. Non so se il percorso proposto da Roberto sia quello ottimale: credo, però, che solo con REGOLE certe nello statuto e regolamento, pensate insieme al “popolo delle Primarie”, possa nascer un VERO NU

  • Paolo Manzelli

    Ho apprezzato molto ciò che Domenica Piero Gallina ha detto.
    Ritengo, cioè, indispensabile un coinvolgimento dei giovani all’interno del processo di creazione di questa nuova realtà che è il Partito Democratico.
    Quale migliore occasione allora se non quella immediatamente successiva alle elezioni amministrative del 28 e 29 maggio.
    È ovvio che il partito democratico non può essere, come saggiamente riporta questa settimana Filippo Andreatta su “L’Espresso” , “figlio di un accordo blindato DS e Margherita: sarebbe solo un tentativo disperato di mettere un marchio nuovo su un modo di fare politica che appartiene al passato”, e questo i giovani, cioè quelli a cui Piero Gallina fa riferimento, proprio non vogliono.
    È quindi ancor più apprezzabile l’ingresso di esponenti di area repubblicana nella coalizione di centro sinistra, così come avviene a Cesenatico, dove il centro sinistra insieme a quegli esponenti di are

  • alessandro castagnoli

    Per un Partito “Democratico” a Forlì.
    Perché la Margherita del Comune di Forlì dovrebbe porsi il problema del Partito Democratico?
    Il mondo cambia, le elezioni politiche hanno portato Prodi al Governo, nei Comuni vicini come
    Bertinoro, Gatteo e Cesenatico DS e Margherita si presentano insieme uniti nell’Ulivo con un’unica
    lista e vengono premiati di consensi anche per la coerenza fra forma e sostanza della proposta
    politica.
    Allora, perché non porsi la domanda se sia vero che anche il “popolo dell’Ulivo di Forlì” vuole
    l’unità? Penso che sia ovvio, ma questo non significa procedere a tappe forzate in un ipotetico
    processo d’inclusione nel Gruppone/Cosa3 dei DS e, neppure, stare fermi ad aspettare che qualcuno
    a Roma decida per noi.

  • alessandro castagnoli

    Penso che il “popolo dell’Ulivo di Forlì” potrebbe cogliere questa occasione per riappropriarsi dello
    spazio/dibattito politico che storicamente ha contraddistinto la nostra città per coraggio e
    lungimiranza. Candidiamo la nostra città, senza scomodare i padri nobili, ed aprire una nuova fase
    politico-culturale di cambiamento e rinnovamento capace di aprire veramente coi fatti alle giovani
    generazioni (anche per ridurre il tasso di gerontocrazia).
    Cogliere il cambiamento significa superare la visione a “compartimenti stagni”; infatti, l’approccio
    settoriale ai temi della politica è particolarmente utile ad alcuni esponenti “storici” per cogliere
    l’opportunità offerta dal processo verso il Partito Democratico, in termini di accelerazione verso una
    semplicistica inclusione della Margherita nel Gruppone/Cosa3. Questo percorso non gioverebbe ne
    alla crescita della proposta politica, ne ai partiti locali, ne ai

  • alessandro castagnoli

    Penso che cogliere il cambiamento significa aprire una “fase costituente” vera, trasparente, non
    all’insegna del “vogliamoci bene” o peggio ancora ridurre tutto a una fase che si esaurisce in una
    fitta calendarizzazione di riunioni e incontri privi di alcun contenuto politico-culturale.
    E’ fondamentale costruire una Agenda seria delle cose da fare per costruire il partito, partendo dai
    contenuti, dalle strategie e dai modelli organizzativi: significa aprire un percorso propedeutico al
    “Congresso Costitutivo” che veda come protagonisti gli amministratori locali, l’associazionismo e
    soprattutto il popolo dell’Ulivo.

  • alessandro castagnoli

    Un “Congresso Costitutivo” capace di tracciare una sintesi fra partito e leadership; un partito
    “democratico” che non diventi mero strumento propagandistico-elettorale e neppure strumento per
    l’acquisizione e/o conservazione del potere. Un Partito che sarà “Democratico” nella misura in cui
    saprà ascoltare e interpretare le attitudini e le istanze dei forlivesi.
    Alessandro Castagnoli

  • Michele Fiumi

    Il Partito Democratico deve essere un nuovo soggetto politico. Ne fusione fredda Ds e Margherita, ne cosa 3 o partito dei progressisti mi interessano o appassionano. Occorre: 1° Una fase costituente con vasta investitura popolare (tipo primarie. Occorre cioè eleggere un gruppo costituente che si preuccupi di definire le basi ideali su cui si fonderà il nuovo partito.Dovrà avere secondo me un’ispirazione riformista e liberale.
    2°Studiare e preparare il progetto di una forma partito aperta alla partecipazione e definire uno statuto veramente democratico
    3°Definire le appartenenze nel parlamento europeo. No all’iscrizione ai Popolari e no ai Social-democratici.
    4° Tornare alla base per l’elezione di nuovi gruppi dirigenti valorizzando i giovani e i quarantenni.
    Speriamo bene!

  • Alvaro Crociani

    Caro Damiano,

    leggo sempre con molto interesse il tuo dialogo settimanale con noi elettori, lo ritengo utile in quanto riusciamo in questo modo ad apprezzare l’impegno che profondi nell’interesse di tutti ed anche per avere in anteprima informazioni importanti su iniziative che ci riguardano.
    Tra queste, una in particolare mi interessa ed è relativa alla discussione che accompagna la costituzione del Partito Democratico. Vorrei essere il primo firmatario di questo nuovo soggetto politico in quanto mi ci riconosco, anche se voi stessi, politici di professione, avete forti dubbi ed elementi di discussione sugli equilibri e sulle strategie politiche ed ideologiche che ne dovranno caratterizzare l’identità, la composizione ed il ruolo. Ti chiederai allora il perché di questa mia affermazione un poco assoluta ed apparentemente in contraddizione con lo stato delle cose;

  • Alvaro Crociani

    mi ci riconosco perchè sono un “Cattolico di sinistra” che non si sente in contraddizione con se stesso, in quanto la mia coscienza è realmente animata da un profondo senso cristiano della vita (terrena e ultraterrena) e di quei valori etici e sociali che caratterizzano il rapporto tra gli uomini.
    Credo che il nuovo soggetto politico a cui state pensando, debba racchiudere in sé, come elemento fondante, questi importanti fattori di pregio e caratterizzazione, in quanto l’elettorato dell’Ulivo li contempla pienamente. Nel voler fornire il mio contributo alla discussione, a seguito dell’analisi dei vari documenti che sull’argomento sono stati scritti, tra cui il tuo del 26 Luglio che ho letto attentamente, ritengo che uno dei freni all’azione decisa di caratterizzazione politica del Partito Democratico, sia rappresentato da un eccesso di stereotipi all’interno dei quali far ricadere in maniera calzante il nuovo soggetto politico.

  • Alvaro Crociani

    Una cosa nuova, ed io aggiungo moderna, non deve per forza rientrare in schemi predefiniti, deve apri deve aprirsi ad un orizzonte in grado di condizionare le coscienze su valori morali, economici e sociali, condivisibili e non per forza etichettabili come solo cattolici, solo socialisti o solo socialdemocratici. Vi chiedo a tal fine in maniera che può apparire forse demagogica ma che vuole essere costruttiva, di avere coraggio nell’esprimere dei concetti nuovi, di grandi tradizioni ma nuovi, che siano di insegnamento, per un’evoluzione costruttiva, sia al cosiddetto mondo cattolico che a quello riformista di sinistra, che esprimano con ambizione valori e comportamenti in campo sociale, economico, ambientale, ecc.., di livello assoluto, che assommino il meglio delle diverse ideologie ma che abbiano come elemento centrale l’uomo, le sue aggregazioni e la sua vita.
    Riempiteci di ideali che vadano nella direzione dell’uguaglianza di fronte a Dio e agli uomini,

  • Alvaro Crociani

    fateci sentire importanti perché ci riconosciamo in valori superiori che vanno al di là di pic fateci sentire importanti perché ci riconosciamo in valori superiori che vanno al di là di piccoli e grandi interessi di bottega (siano essi economici che politici), fateci sentire parte integrante di un disegno collettivo a cui noi contribuiamo con il nostro impegno, fate scelte coraggiose nel campo del sociale, dell’etica, della possibilità di far bene e di fare del bene. Ne abbiamo bisogno, abbiamo bisogno di essere accompagnati nel nostro cammino quotidiano, da una maggiore passione politica in cui riconoscerci in maniera autonoma ed indipendente dal “nemico” da combattere (per esempio il “berlusconismo”) ma che contempli un obiettivo di benessere collettivo da raggiungere.

  • Alvaro Crociani

    Le mie considerazioni vogliono essere un piccolo e modesto contributo alla vostra discussione, affinché tu possa avere il confronto ed il conforto ideologico dell’elettorato che rappresenti.
    Un caro saluto ed augurio di buon lavoro.

  • Casadei Roberto

    Verso il Partito Democratico…….si, forse, no, non so, aspettiamo ancora……!!!! Ho seguito, come tanti, i dibattiti televisivi e sui giornali sul Partito Democratico. Ne hanno discusso anche nomi illustri ma la sensazione è che la strada sia ancora in salita. Ognuno dei partiti che aderiscono a questo progetto vorrebbe che il futuro partito democratico assuma i rispettivi valori fondanti e universali mentre sono sicuramente più avanti quegli elettori che nelle ultime tornate elettorali hanno premiato il nuovo soggetto che si è presentato, in varie occasioni con il simbolo dell’Ulivo andando oltre quel confine ideale dato dall’appartenenza a questo o a quel partito. L’Unione, come coalizione, ha bisogno di un soggetto politico forte, che pesi elettoralmente oltre il 30% dei voti, e che “ guidi” la coalizione stessa; solo in questo modo si possono fare le riforme di cui il paese ha bisogno.

  • Casadei Roberto

    È il paese che vuole innovarsi, che richiede una mutazione genetica delle formazioni politiche, diversamente si rimane in mezzo al “guado”. Il minimo comune denominatore, della nuova formazione politica non può che essere il riformismo, quello che proviene da diverse tradizioni politiche, dalla cattolico democratica, alla socialista, alla repubblicana, alla liberale. Nessuna delle componenti deve rinunciare ai suoi valori fondanti. Ognuno può portare il suo patrimonio e metterlo a disposizione degli altri: nessuno deve abiurare parte della sua storia, della sua fede; tutti debbono essere disponibili ad ascoltare gli altri: è il programma il cemento della nuova formazione politica. È dal programma che si costituisce l’identità e non viceversa. È questa la rivoluzione copernicana che fa la differenza: un programma costruito nel rapporto con i cittadini per i cittadini stessi, un partito quindi che fa delle scelte e che misura le sue scelte

  • Casadei Roberto

    con il corpo elettorale in un andare e venire delle idee. I partiti del centrosinistra che si riconoscono nel progetto del Partito Democratico, sin dal momento dell’insediamento del governo Prodi, un primo passo l’hanno fatto: la costituzione del gruppo unico alla Camera ed al Senato. Ora tocca alle Amministrazioni Locali. Non perdiamo l’occasione, il futuro è nelle nostre mani.
    Forlì 7 settembre 2006

  • Paolo Ghini

    Alcune riflessioni sul Partito Democratico.
    Mi chiedo a chi prema il partito unico! In realtà penso che lo vogliano più i capi e i militanti che gli elettori.
    Non sento voglia di partito unico, anzi vedo attorno a me (la mia finestra di osservazione è limitata! Ed è quella dell’area cattolica) più che altro gente che ha votato a sinistra con grande fatica, come “il meno peggio”, stanca del cavaliere. In realtà sono più le cose che dividono, cose di sostanza !, delle cose che uniscono la Margherita coi DS o con i Verdi ecc. L’elettorato non capirebbe questa unione e temo che si allontanerebbe dal Partito Democratico.
    La vera voglia di partito unico, parlo dell’area Margherita, è di una unità che superi i due blocchi destra e sinistra, per coagulare finalmente le forze attorno a UDC, Margherita, Udeur e far uscire la progettualità di ispirazione cattolica e popolare dalle costrizioni di Berlusconi, d

  • Michele Casadio

    Caro Damiano,
    proprio in questi giorni si dibattono sui media temi assai importanti per la creazione di una identità di partito nuovo quale vorrebbe essere quello DEMOCRATICO.
    Ho alcune perplessità.
    Le reazioni tiepide dei politici nostrani ed occidentali, conseguenti alle dichiarazioni di Papa Ratzinger, mi fanno pensare ad un Islam in cerca di pretesti ed un occidente che in un eccesso di autocritica rinuncia a se stesso e alla sua identità. Possibile che nell’aggregazione di cui noi facciamo parte ci siano politici che non hanno amor di Patria Europa o Occidente?Amore per le proprie origini, per la propria identità! Affermare che La Ragione ( logos ) è insita nella Fede Cristiana ( così come lo intende Papa Ratzinger ) mentre la fede musulmana è fondata su assoluti mi sembra condivisibile. Quante voci si sono levate alla difesa del Papa? Poche. Il Papa è stato volutamente lasciato solo perché l’occidente

  • Il giornalista romano ha rinunciato in extremis alla candidatura

    Antonello De Pierro non correrà più per la guida del Partito Democratico

    Il direttore di Italymedia.it e storico conduttore di Radio Roma, oltre che leader del movimento “L’Italia dei diritti”, aveva deciso di candidarsi, ma come si apprende dal coordinatore nazionale del movimento stesso Dario Domenici, è stato costretto a ritirarsi per motivi personali

    Aveva accettato di candidarsi per le Primarie del 14 ottobre 2007, per concorrere alla carica di segretario nazionale del Partito Democratico, dopo che da più parti gli erano giunte richieste in tal senso, e, sostenuto da più associazioni e gruppi, oltre naturalmente che dal movimento per i diritti dei cittadini “L’Italia dei diritti”, di cui è presidente, aveva avviato in tutta la penisola la raccolta delle firme necessarie da consegnare entro il termine fissato, per accedere all’elenco