Zoffoli – interviene con OdG nell’Assemblea Legislativa Regionale affinché il Governo prenda misure urgenti a sostegno della crisi del settore Avicunicolo

In considerazione della gravissima crisi avicola nazionale che colpisce un settore che ha un primario rilievo nell’economia e nell’occupazione del territorio nazionale è stato presentato e sottoscritto il seguente OdG per rilanciare a livello nazionale la difficile situazione: ORDINE DEL GIORNO L’Assemblea Legislativa Regionale dell’Emilia-Romagna ESPRIME Grande preoccupazione di fronte alla gravissima crisi che ha colpito l’avicoltura nel nostro territorio e nell’intero Paese a causa di un ingiustificato allarmismo nei confronti del consumo di carni bianche. RIBADISCE CHE Non c’è nessun pericolo per i consumatori perché il pollame italiano è uno dei più sicuri del mondo, sottoposto a rigidi controlli che coinvolgono tutta la filiera. PRESO ATTO CHE Solo nell’ultima settimana si è assistito a un ulteriore calo degli acquisti del 30 per cento; questo si assomma alla pesante condizione in cui il settore si trova da mesi, con una produzione già ridotta del 30 per cento, la distruzione nel trimestre settembre – novembre 2005 di 14 milioni di uova, 7 milioni di pulcini, 1 milione di riproduttori, lo stoccaggio di 49mila tonnellate di scorte, con un aumento del 664 per cento rispetto alla media del periodo; questi numeri indicano l’impossibilità per le aziende di far fronte da sole a una situazione economico – finanziaria in accelerato peggioramento. TENUTO CONTO CHE Tutto questo minaccia di compromettere in modo rilevantissimo l’intero comparto avicolo, che già si profilano chiusure di stabilimenti e che sono a rischio migliaia di posti di lavoro in un settore che occupa 80mila addetti in tutta Italia, di cui 12mila nella provincia di Forlì-Cesena; SOTTOLINEA L’urgenza inderogabile di prendere provvedimenti per arginare la crisi del settore; fra essi, in particolare: • l’attivazione degli ammortizzatori sociali per i lavoratori, compresi gli stagionali, • la creazione di un fondo per indennizzare la filiera avicola, • il rinvio dei pagamenti fiscali e previdenziali da parte degli allevatori. CHIEDE L’IMPEGNO DEL GOVERNO • affinché il Parlamento affronti, come primo punto all’ordine del giorno della seduta di mercoledì 22 febbraio 2006, il decreto legge sui provvedimenti per il sostegno all’agricoltura integrato con le misure per far fronte all’emergenza avicola; • affinché venga concessa la cassa integrazione straordinaria in deroga, con adeguata copertura finanziaria; • affinché siano presi al più presto i provvedimenti necessari per consentire alle aziende di superare la fase critica in atto. Questo per attivare finalmente interventi in risposta al grave stato del comparto avicolo e, soprattutto, per evitare che le proposte accolte e condivise unitariamente da tutte le istituzioni e le forze politiche nazionali e locali vengano vanificate dalla scadenza dei tempi tecnici di lavoro delle Camere, ormai prossime alla sospensione della propria attività. FA VOTI Affinché tutti gli organi istituzionali (Regioni, Province e Comuni) si attivino per rendere pienamente efficaci i provvedimenti presi in sede parlamentare e di Governo.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.