Zoffoli: “Poltrone facili nelle Ausl: si faccia un passo indietro. Scandalosa la legge approvata dal parlamento”

“Poltrone facili, con poche righe in una legge (comma 5 art. 2 Legge n. 43 del 1 febbraio 2006), già approvata alla Camera e al Senato gli ex parlamentari e gli ex consiglieri regionali possono essere nominati direttori generali, direttori sanitari e direttori amministrativi delle ASL a prescindere da qualsiasi competenza specifica in materia” – questo è quanto denuncia il Consiliere Regionale dott. Damiano Zoffoli a margine della firma dell’appello nazionale promosso con altri colleghi della Margherita. Zoffoli denuncia la gravità di questo provvedimento volto a far uscire la politica dai propri compiti di programmazione e controllo della cosa pubblica per conquistare poltrone e territori. Infatti, dichiara Zoffoli, “i politici si devono occupare di sanità e non diventare manager della sanità attraverso la politica”. Infine, Zoffoli chiede al prossimo Parlamento di cancellare questa norma – che peraltro approvata bipartisan – ha sollevato la giusta indignazione di tanti cittadini che a causa della crisi economica e della precarietà del lavoro non riescono ad arrivare alla fine del mese e vedono “i loro rappresentanti” preoccupati ed occupati a legiferare per garantirsi comunque e a qualunque costo un posto ben remunerato.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.