Zoffoli: “Più Innovazione”

La diffusione dell’innovazione tecnologica è il passaggio fondamentale per avviare una fase di cambiamento profondo del nostro Paese. L’innovazione è un po’ come il futuro: non si può aspettare che arrivi e che migliori la nostra situazione, ma bisogna costruirlo. L’innovazione è stata troppo spesso considerata alla stregua di puri e semplici fatti tecnici e, come tali, rispondenti a meccanismi automatici e autoreferenziali (incentivi al consumo, adeguamenti naturali dei mercati, ecc.). Infatti, si tratta proprio di cominciare in primo luogo dalla testa delle persone le quali non cambiano solamente perché hanno 250 euro di sconto sui pc. Non è il momento di ingannare con pochi soldi di elemosina i nostri giovani, resi insicuri dalla flessibilità e dalla precarietà, ma al tempo stesso nati e cresciuti dentro una democrazia digitale che oggi non possiamo non considerare un nuovo ecosistema politico. E’ sbagliato alimentare semplicemente i consumi mentre occorre promuovere, finanziare e incentivare interventi che prevedano azioni integrate e che siano mirate fondamentalmente alla gestione del cambiamento. E il cambiamento avviene solo tramite azioni e dentro contesti profondamente integrati. E’ a questo proposito che sottolineo come sull’innovazione sia necessario inaugurare un metodo politico nuovo, quello più adatto alla società della conoscenza, quello che dovrà condurre tutta la nostra coalizione, a condividere le scelte strategiche e le decisioni con gli attori sociali coinvolti, in una prospettiva partecipata. Questo è uno dei più significativi contributi che lo sviluppo della società dell’informazione sta dando alla politica: decidere partecipando. Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.