ZOFFOLI: POLITICA COME “SPERANZA” PER I GIOVANI

I nostri “cugini” francesi, in questi giorni, si sono mobilitati in tantissimi contro le leggi sul lavoro che il governo diretto da Dominique de Villepin vuole introdurre, in particolare contro il contratto di primo impiego (Cpe). Premesso, che non si possono equiparare le mobilitazioni degli studenti francesi con quelle che il sindacato italiano ha sostenuto contro la cancellazione del’art. 18 dello statuto dei lavoratori, mi interessa portare alla vostra attenzione il significato profondo e generale che sostiene la protesta dei giovani francesi. Si tratta del crescere di un malessere giovanile che non si può affrontare con dibattiti formali nei quali si riempiono gli spazi elettorali sul salvataggio o l’abrogazione della legge Biagi. Il tema vero è che nelle nostre comunità si sta generando un vero e proprio sentimento di precarietà: un sentire comune che evidenzia una serie di problemi, soprattutto un quotidiano fatto di insicurezze. E’ venuto meno quell’orizzonte che stava a fondamento delle nostre comunità e che si manifestava nella speranza-attesa di un futuro migliore. Oggi sembra che l’idea di futuro rechi in sé un segno di negatività e che la promessa diventi minaccia; il futuro non è ciò che ci capiterà domani o post-domani, ma ciò che ci fa andare oltre il presente collocandoci dentro una prospettiva. Penso sia crescente il fastidio dell’ampliamento delle disuguaglianze, ma soprattutto riguardo al divario profondo, e vissuto con malessere, tra le aspettative e le reali offerte possibili. Guardandoci intorno, si vede come tanti sono i lavori segnati dall’incertezza, gli stage non adeguatamente ricompensati e le prospettive previdenziali indebolite. Anche quando i giovani sono protetti dalle famiglie, c’è comunque un imperante condizione d’incertezza dettata dall’impossibilità di programmare a lungo termine, quasi fosse un futuro a tempo determinato, del quale non si sentono protagonisti. Sono questi i temi sui quali riproporre il tema del lavoro come valore che ci stimola a definire in modo nuovo, il tema della sua stabilità, del suo arricchimento professionale. I giovani entrano nel mondo del lavoro troppo tardi, e un lavoro stabile non è subito a portata di mano. Le scelte di vita sono pertanto condizionate da questi presupposti che, se si lasciano consolidare e ampliare, contribuiscono a rendere difficile l’ingresso nell’eta adulta e prolungano nel tempo la dipendenza famigliare. I giovani sono stati incitati a diplomarsi e laurearsi dicendo loro che questo avrebbe dato loro maggiori opportunità nella vita e nel lavoro, però ora bisogna domandarsi quali opportunità di lavoro trova adeguate a quanto appreso il giovane che conclude l’iter scolastico? Nel caso francese le proposte del governo generano forti inquietudini perché si tratta di un contratto di due anni che prevede l’arbitrarietà (possibilità di licenziamento nell’arco dei due anni). I propugnatori della flessibilità libera dimenticano che esiste asimmetria tra chi domanda e chi offre lavoro, e che non si può ridurre tutto a “un lavoro qualunque è meglio di niente”. Da questi assunti sorge spontanea la considerazione che non basta ripartire quello che c’è, ma bisogna operare per creare le condizioni di una ripartizione equa e rispettosa della dignità delle persone. In questo senso la Confederazione europea dei sindacati ha preso una posizione nei confronti della legge francese, fatto nuovo e importante da non sottovalutare, che mette in evidenza che una serie di problemi che riguardano la gestione e la legislazione sul mercato del lavoro non possono essere più affrontati solo a livello nazionale. I fatti francesi ci dicono che, anche su questo terreno, serve un maggior raccordo a livello europeo e la nostra risposta a questo disagio sarà la misura della nostra solidarietà e di quanto abbiamo realmente a cuore il futuro.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.