BASTA CON LE BUGIE DI BERLUSCONI SULLE TASSE

Eccovi in sintesi le proposte della Margherita e dell’Ulivo 1) Una grandissima riduzione delle tasse sul lavoro. 400 euro in più a fine anno per il singolo lavoratore e altrettanti per l’impresa. Questo il risultato che si otterrà dal taglio del 5% del costo del lavoro proposto dall’Unione, che da solo vale più di tutte le millantate riduzioni fiscali di Berlusconi. Vantaggi immediati per i lavoratori in busta paga e per le imprese, che vedranno sensibilmente ridotti i costi a carico del datore di lavoro. Uno strumento concreto per combattere l’attuale precarietà del mondo del lavoro. 2) Rendite finanziarie: il 20% è solo sugli interessi. L’armonizzazione dell’aliquota sulle rendite finanziarie verrà applicata solo agli interessi, non al capitale. A titolo di esempio, per avere un ordine di grandezza, su un migliaio di euro investiti in titoli del debito pubblico, la differenza oscillerebbe tra circa 50 centesimi di euro e circa 3 euro, a seconda dello strumento e della durata dell’investimento. Facciamo chiarezza su queste cifre, e smascheriamo il catastrofismo di queste ore. 3) Meno tasse sui depositi bancari. L’armonizzazione dell’aliquota sugli interessi delle rendite finanziarie sarà associata alla diminuzione delle tasse sui depositi bancari dal 27 al 20%. L’una compensa perfettamente l’altra. Il risultato: un gioco complessivo a somma zero. A guadagnarci saranno le famiglie più povere: una famiglia con un reddito imponibile di 20 mila euro risparmierà 20 euro, a fronte di un aggravio di 20 euro annui per un nucleo familiare con un imponibile pari a 60.000 euro. 4) Ma quale fuga di capitali! Tasse sulle rendite ancora sotto la media europea. In Francia, Germania e Austria l’aliquota sulle rendite finanziarie è compresa tra il 27 e il 33%. L’Italia, portando l’aliquota al 20%, continuerà a collocarsi sotto la media europea. L’80 per cento delle forze politiche vuole un’armonizzazione su livelli europei delle aliquote. An addirittura al 23%, l’Udc al 18%. Solo Berlusconi vuole che l’Italia punti ad essere in competizione col Lussemburgo o le Isole Cayman come paradiso fiscale. Per noi i riferimenti della competizione sono Germania, Francia e gli altri grandi paesi europei. 5) La proposta del centrodestra: riduzione del cuneo abolendo indennità per disoccupazione e malattia. Anche il centrodestra ha proposto una riduzione del cuneo fiscale, sebbene di soli di tre punti: emerge però che a finanziarla sarà il Fondo prestazioni temporanee dell’Inps, quello che paga la cassa integrazione, l’indennità di disoccupazione e la malattia. Le imprese sappiano dunque che l’operazione del centrodestra abolirà la cassa integrazione, tanto utilizzata in questi anni di crisi, e i lavoratori siano consapevoli che questa manovra ricadrà ancora una volta sullo Stato sociale e, quindi, su tutti i cittadini. In linea con quanto già avvenuto con l’ultima finanziaria. 6) Niente tassa di successione per casa e bottega. Il ripristino della tassa di successione che proponiamo colpirà esclusivamente le grandi fortune, come nella maggior parte del mondo. Un provvedimento che si applicherà a pochissimi soggetti, 2 o 3 mila persone in tutto il Paese. Berlusconi e gli altri miliardari sarebbero in condizione di firmare l’appello che Bill Gates, Rockfeller, Soros e altri miliardari americani rivolsero, inascolati, a Bush, in favore del mantenimento della tassa di successione per i grandi ricchi americani (il 2 per cento dei contribuenti). Quello è il nostro sogno e il nostro modello.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.