Bisogna agganciare le bollette alla qualità del servizio

Dalla “settimana del risparmio idrico”, promossa dalla Regione Emilia-Romagna e conclusasi lunedì, due novità di rilievo: l’arrivo di una tariffa sociale per l’acqua e, dal 2007, il sistema tariffario integrato. Modena e Bologna le prime città in cui lo sforzo congiunto di Enti locali, sindacati, Agenzie territoriali (Ato) e gestori dei servizi si tradurrà presto in realtà. Hera, conferma: sarà varata dopo l’estate la tariffa sociale, una misura di sostegno per i redditi svantaggiati. Chi ha un reddito Isee fino a diecimila euro annui potrà richiedere un rimborso sui consumi. Sorprendentemente ampia la platea dei destinatari: oltre 31mila famiglie fra Bologna e provincia si vedranno “completamente rimborsato – così scritto sull’accordo siglato lo scorso mese – l’aumento del costo del servizio idrico”. La misura appare al suo varo piuttosto leggera: si parla di circa 4 euro pro capite. Ma l’entità del rimborso potrebbe aumentare negli anni successivi, con un nuovo sistema per il calcolo delle tariffe. “Ogni Agenzia Ato – spiegano da Hera – può deliberare un modesto incremento tariffario generalizzato. Il gestore è tenuto ad accantonare il ricavato e a ridistribuirlo agli utenti disagiati, individuati dai Comuni”. Il meccanismo, concludono, è già prassi consolidata nell’erogazione del gas. E’ vera rivoluzione, invece, il sistema normalizzato voluto dalla Regione Emilia-Romagna: il decreto in vigore nel 2007, associa le tariffe allo standard qualitativo del servizio, premiando gestori attenti all’ambiente e utenti responsabili. “Le aziende virtuose – dichiara Damiano Zoffoli – si potranno misurare attraverso alcuni indicatori: l’impegno nel ridurre le perdite della rete, nell’incentivare il risparmio pro capite, nel dare continuità al servizio e nel livello di informazioni e assistenza prestati agli utenti”. Solo i gestori dagli standard elevati potranno ritoccare le tariffe, ma nei limiti e per gli scopi previsti dalla convenzione con le Ato: aiutare i redditi deboli e investire in tecnologie. “Finalmente si ragiona in termini di ciclo integrato – spiega Damiano Zoffoli – l’Emilia-Romagna è stata la prima regione italiana ad avere sviluppato un Piano di tutela delle acque, per poter controllare e programmare i consumi”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.