APPROVATO IL BANDO REGIONALE PER IL PROGRAMMA DI EDILIZIA AGEVOLATA

La Regione Emilia-Romagna mette a disposizione dei cittadini 55 milioni di euro per la realizzazione di 3000 case per l’affitto e la prima casa di proprietà. “Nella sola Provincia di Forlì-Cesena ci sono in giacenza più di 2500 domande di assegnazione a fronte di circa 100 richieste soddisfatte per anno-ricorda il consigliere regionale Damiano Zoffoli- grazie a questa delibera regionale si potranno realizzare alloggi o recuperare edifici pubblici soddisfacendo la crescente richiesta abitativa dei nostri territori con particolare attenzione agli obiettivi di risparmio energetico”. Il problema della casa per le famiglie meno abbienti sta diventando un problema sempre più grave e spesso uno scoglio insormontabile per chi desidera andare a vivere sotto lo stesso tetto. E’ dal 2001 poi che lo Stato non destina più risorse per l’edilizia popolare. Nel quadro di una tensione abitativa sempre più forte e nella necessità di sostenere la famiglia la Regione Emilia-Romagna, con un delibera approvata ieri dalla Giunta mette a disposizione dei cittadini 55 milioni di euro per l’accesso la casa in locazione (65%) e per la prima casa di proprietà (35%). La giunta regionale ha infatti approvato il bando regionale per la selezione delle proposte di intervento da ammettere a finanziamento nell’ambito del “Programma di edilizia agevolata per la realizzazione di 3000 case per l’affitto e la prima casa di proprietà”. Le risorse poste a bando contribuiranno all’incremento del patrimonio abitativo dei Comuni, oggi in gravissima difficoltà a causa della crescente richiesta di alloggi a canone sociale e convenzionata. Il consigliere Zoffoli ricorda che “Nella sola Provincia di Forlì-Cesena ci sono in giacenza più di 2500 domande di assegnazione a fronte di circa cento richieste soddisfatte per anno. I Comuni, le cooperative d’abitazione, le imprese di costruzione e i loro consorzi, le società di scopo di cui alla legge 24/01 a maggioranza pubblica, Onlus e Fondazioni grazie alla delibera regionale potranno realizzare alloggi o recuperare edifici pubblici. Si apre inoltre l’opportunità che l’Azienda Casa provinciale, l’Acer, diventi società appaltante per i comuni del territorio provinciale reperendo direttamente il credito senza gravare sui bilanci delle amministrazioni comunali.” Anziché devolvere i contributi a fondo perduto la Regione ha costituito un fondo di rotazione che permetterà di abbattere in maniera considerevole gli oneri finanziari dei mutui contratti e garantirà con l’estinzione degli stessi il re-impiego di nuove risorse per altri interventi abitativi. “La delibera di Giunta regionale ha attribuito del 75% del fondo rotativo, l’8,80% alla Provincia di Forlì-Cesena, – aggiunge il consigliere regionale Damiano Zoffoli- dove si guarda con grande interesse al bando soprattutto per il programma “territori dell’accoglienza” sviluppato dai comuni del forlivese e da Acer, grazie al fondamentale contributo della Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì e per alcuni importanti interventi di edilizia agevolata nella zona di Cesenatico e a Pievesistina.” Le tipologie di intervento ammissibile riguardano: nuove costruzioni, recuperi edilizi e l’acquisto da parte dei Comuni e in forma associata di alloggi immediatamente utilizzabili o in fase di realizzazione. Qualunque sia la tipologia ogni intervento deve comunque prevedere la realizzazione di almeno 6 alloggi finanziati o nel caso di residenze collettive, un numero di posti letto non inferiore a 18. Tra i criteri di valutazione delle proposte per l’ammissione a finanziamento sono state anche inserite nel bando, le caratteristiche tecniche degli edifici. Di particolare rilievo risulteranno per l’attribuzione di punteggi più alti, l’applicazione di tecnologie che permettano di perseguire obiettivi di risparmio energetico attraverso l’installazione di impianti di riscaldamento che utilizzano energie alternative, soluzioni che riducano il carico ambientale attraverso il risparmio di acqua potabile, recupero delle acque meteoriche e riclibilità dei materiali, interventi che migliorino la qualità ambientale degli spazi interni come; la riverberazione sonora, accessibilità, controllo delle emissioni nocive, asetticità e controllo della radioattività. Entro 13 mesi dalla data di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione della delibera di Giunta Regionale di approvazione della graduatoria di localizzazione degli interventi ammessi al finanziamento il soggetto proponente, pena la decadenza immediata deve inviare l’attestato di inizio lavori alla regione.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.