ECONOMIA-Avviato l’iter di approvazione del Piano Regionale di Sviluppo Rurale 2007 – 2013

Damiano Zoffoli annuncia l’Avvio dei lavori preparatori per l’approvazione del Piano Regionale di Sviluppo Rurale 2007 – 2013. Giovedì 22 giugno u.s., la commissione “Politiche economiche”, presieduta da Damiano Zoffoli, ha ascoltato una informativa dell’assessore all’agricoltura Tiberio Rabboni sulle “linee strategiche della Regione per le politiche di sviluppo rurale 2007-2013”. Tra le novità principali del Piano, l’accresciuto ruolo delle Province che saranno chiamate, nel periodo di riferimento, a gestire il 65% delle risorse disponibili a fronte del precedente 30%. Inoltre la bozza di documento sarà sottoposta ad un ampio processo di concertazione, nel corso del quale, sulla base di una proposta del gruppo assembleare della Margherita, si svolgerà anche una udienza conoscitiva della competente commissione con le associazioni e le categorie interessate al Piano. La bozza documento presentato, fornisce una piattaforma comune di discussione per la definizione delle nuove linee di intervento. Le priorità fissate privilegiano: l’integrazione di filiera, il conseguimento di dimensioni economiche ed organizzative adeguate alla globalizzazione del settore, l’affermazione delle nostre produzioni sui nuovi mercati, l’occupazione nella filiera agro alimentare dei giovani, i prodotti biologici, la montagna, i prodotti innovativi e le bio-energie. In effetti, i rilevanti cambiamenti che si sono registrati, in questi ultimi anni, nei mercati internazionali e la rilevante riduzione dei fondi europei che renderà disponibili solo 217 milioni di Euro per il 2007-2013, impongono l’adozione di scelte strategiche, che saranno finalizzate, principalmente, ad accrescere il valore aggiunto delle imprese agricole. La bozza di Piano prevede obiettivi, strategie e strumenti, articolati in quattro assi (nel precedente erano 3), finalizzati: al miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale (Asse 1); al miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale (Asse 2); alla qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione dell’economia rurale (Asse 3). L’Asse 4, infine, “asse metodologico”, concorrerà al raggiungimento degli obiettivi degli Assi 1, 2, e 3 con strategie territoriali.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.