ECONOMIA-Damiano Zoffoli anticipa i contenuti della “variazione di bilancio”

La discussione avverrà nella prossima assemblea legislativa di fine luglio. Il disegno di legge di assestamento del bilancio per l’esercizio 2006 e pluriennale 2006-2008 non può che confermare la rigorosa impostazione tenuta nella predisposizione del bilancio di previsione inoltre essendo strumento della manovra di bilancio è chiamato a svolgere anche una funzione propositiva attenta e allineata con tutte le disposizioni in materia finanziaria. Con questo complesso quadro di riferimento nella fase di assestamento del bilancio si è provveduto a finanziare le esigenze aventi carattere indifferibile ed urgente e in particolare nell’allocazione di spese correnti le variazioni proposte sono riferite a quelle di natura assolutamente indispensabile ed obbligatorie come quelle destinate alla copertura finanziaria della Sanità, come si è proceduto lo scorso anno, affinché per la Regione non scatti come misura sanzionatoria l’aumento automatico dell’addizionale Irpef e dell’Irap che si tradurrebbe in un aumento della pressione fiscale sia per i cittadini sia per il tessuto produttivo. Le politiche di spesa, delineate nel bilancio di previsione, sono state aggiornate in base ad indifferibili necessità e le variazioni proposte, che andranno ad incrementare le disponibilità di spesa sia corrente sia di investimento, evidenziano che le “scelte di qualità” effettuate, che si prefiggono di onorare gli impegni politici assunti, riconfermano e rafforzano le scelte fondamentali del bilancio di previsione. È opportuno sottolineare che con la manovra di assestamento, le scelte sono state, comunque, operate in modo da garantire alcune situazioni di maggiore necessità. La manovra di variazione, con riferimento specifico a quella di mezzi regionali propri, ammonta complessivamente a 166,54 milioni di Euro circa, di cui 110,76 milioni di Euro per spese correnti e 55,78 milioni per le spese di investimento in conto capitale. Relativamente agli incrementi apportati alle spese correnti, per l’esercizio 2006, le voci più rilevanti sono rappresentate da: – 90,00 milioni di Euro quale integrazione al finanziamento del Servizio Sanitario Regionale per l’anno 2006; – 1 milione, circa, di Euro per garantire i cofinanziamenti dei programmi comunitari riferiti al Documento Unico di Programmazione Obiettivo 2 – 2000-2006 e dello Strumento Finanziario di Orientamento della Pesca – SFOP; – 2,74 milioni di Euro per servizi educativi per l’infanzia, per la realizzazione di interventi relativi agli assegni di cura e al sostegno economico degli anziani; – 4,84 milioni di Euro per la realizzazione di iniziative culturali e per garantire le attività dei centri culturali e delle associazioni sportive; – 3,3 milioni, circa, di Euro per interventi a supporto delle attività istituzionali dell’Ente; – 0,8 milioni di Euro per interventi destinati all’ambiente, ai parchi e riserve; – 6,4 milioni, circa, di Euro destinati ad interventi per i sistemi di mobilità e per la programmazione territoriale. Le voci più significative degli incrementi proposti alle spese d’investimento in conto capitale, per il triennio 2006-2008, sono rappresentate dalle seguenti: – 3 milioni di Euro per interventi di protezione civile; – 5 milioni di Euro ad incremento dell’accantonamento destinato ai programmi regionali di investimento delle strutture sanitarie; – 3 milioni ad incremento dei finanziamenti del fondo regionale per i servizi educativi per l’infanzia; – 3,6 milioni, circa, di Euro destinati al finanziamento di interventi per lo sviluppo delle zone montane (Legge regionale per la montagna) e per contributi alle forme associative degli enti locali; – 5 milioni di Euro per lo sviluppo del sistema informativo e l’automazione dei servizi regionali; – ulteriori 10 milioni di Euro per interventi di riqualificazione, ammodernamento, sviluppo e manutenzione straordinaria della rete viaria regionale e comunale; per investimenti in infrastrutture e sistemi tecnologici dei mezzi di trasporto pubblici e per interventi nei porti regionali; – 1,7 milioni, circa, di Euro per interventi e contributi per il recupero e il restauro del patrimonio immobiliare storico, culturale e artistico; – 16 milioni di Euro per la conferma e l’incremento dello sviluppo del Piano Telematico regionale; – 2 milioni di Euro per ulteriori contributi destinati a enti locali per la riqualificazione di aree commerciali e mercatali; – 4 milioni di Euro ad incremento dei contributi agli enti locali per l’allestimento e il potenziamento delle aree di insediamento delle imprese artigiane e la realizzazione di infrastrutture di reti nonchè di centri integrati di servizio; – 1 milione di Euro a integrazione dei finanziamenti destinati ad interventi finalizzati al risparmio energetico.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.