ZOFFOLI RELATORE SUL DISEGNO DI LEGGE REGIONALE SUL CREDITO AGRICOLO

La Commissione Politiche economiche della Regione Emilia Romagna, presieduta da Damiano Zoffoli, ha approvato giovedì il progetto di legge sul credito agrario agevolato, rafforzando ancor più il suo importante ruolo di fonte di finanziamento per le imprese agricole dell’Emilia Romagna. Il disegno di legge, presentato in Commissione dall’assessore all’Agricoltura Tiberio Rabboni, approderà oggi prossimo in Consiglio regionale. «Abbiamo raggiunto un traguardo importante in grado di rafforzare la capacità degli agricoltori a rapportarsi con il sistema bancario e rendere più rapidi e snelli gli aiuti nel settore agrario». «La proposta di legge approvata in commissione – dichiara il consigliere Zoffoli – consente agli organismi di garanzia di aumentare il volume dei finanziamenti garantiti e quindi di poter incrementare la loro operatività. Viene inoltre innalzato il limite massimo del contributo regionale per le attività di assistenza e consulenza tecnico – finanziaria, dal 30% all’attuale 70%. Si elimina inoltre il limite massimo della durata dei prestiti, prima fissato in 5 anni e si introduce anche il credito a lungo termine, indispensabile per consentire alle aziende agricole di ammortizzare in periodi sufficientemente lunghi gli investimenti effettuali. La proposta dell’assemblea legislativa inserisce inoltre il sostegno dei processi di aggregazione e fusione tra gli altri organismi di garanzia per favorire l’ampliamento degli organismi stessi». Il disegno di legge sul credito agrario ha trovato apprezzamento e consenso da parte delle organizzazioni professionali agricole. «La Regione ha in mano lo strumento più avanzato in Italia e, forse, in Europa – hanno commentato le organizzazioni regionali di Cia, Coldiretti, Confagricoltura e Copagri – Si sono messe in campo azioni di credito agevolato per le imprese agricole emiliano romagnole su prestiti a breve, medio e lungo termine, per investimenti e su calamità naturali, a favore anche di quegli imprenditori con aziende agricole vitali ma con età superiore a 60 anni o in età di pensionamento, che erano i limiti dell’attuale Psr».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.