FINANZIARIA 2007 – LA FATICA DEL RIFORMISMO E L’URGENZA DELLA FASE 2

Finanziaria 2007-Equità, sviluppo e risanamento sono i tre capitoli fondamentali della proposta di legge Finanziaria del governo Prodi. In attesa delle modifiche già preannunciate e dell’esito del dibattito parlamentare dei prossimi mesi, si conviene che la prospettiva del risanamento economico dello Stato è la premessa per qualunque seria ed onesta politica di sviluppo. Le manovre redistributive inoltre rappresentano metà dell’intero ammontare (circa 35 miliardi di euro) ma nonostante questo enorme sforzo, rimangono attuali ed irrisolti in questo Paese gravi problemi di giustizia sociale e di evasione del fisco. Due milioni e mezzo di famiglie povere, sette milioni e mezzo di persone che campano con grandi sacrifici, ovvero il 13,1% della popolazione concentrata al sud e fra le famiglie numerose; questa è infatti l’Italia 2005 fotografata dall’Istat. L’ex Capo dello Stato Ciampi sostiene a ragione che “quello che manca è la missione. Bisogna dare un senso a quello che si fa. Oggi come nella seconda metà degli anni novanta, ci deve essere una direzione di marcia, un filo rosso che tiene tutto assieme, una stella polare da seguire”. Questa missione di cui parla Ciampi consiste quindi nel rilancio del paese, nella crescita dell’economia di cui la riduzione del debito pubblico è è la premessa e la redistribuzione è l’effetto. Un sondaggio Ispo condotto dopo le elezioni politiche (giugno 2006) chiedeva agli italiani se erano disponibili a una politica di austerità per risanare i conti del paese e rilanciare l’economia. Più del 50 per cento degli elettori dell’attuale governo si era dichiarato pronto a sacrifici, purché fatti con equità e dove “non siano solo alcuni e sempre i soliti a rimetterci”. Per garantire più equità è però necessaria a mio avviso una riforma fiscale che faccia innanzitutto emergere l’enorme sommerso di cui da anni si parla nel nostro paese, vanto discutibile del precedente Premier anziché sintomo di degrado civile e democratico. In Italia l’evasione fiscale è stimata in circa 200 miliardi di euro, l’equivalente di 5 finanziarie 2007. Altre due modifiche del sistema fiscale inoltre sono proponibili per aumentare equità e giustizia: il quoziente familiare e l’introduzione del modello americano. Negli Stati Uniti, le tasse le pagano tutti (si stima un evasione del 4 %) perché ogni cittadino controlla se stesso e gli altri chiedendo le ricevute di pagamento. E alla fine, essendo stata pagata tutta l’Iva possibile, l’Irpef si applica sull’utile netto. Il Quoziente Familiare invece è il sistema adottato in Francia, sulla scorta del quale il totale dei redditi dei membri della famiglia viene diviso per la somma di tutti i componenti il nucleo (a prescindere che siano o meno percettori di reddito). Sulla base di tale quoziente viene determinata l’aliquota da applicare, poi, a tutto il reddito familiare. Anche le stesse deduzioni o detrazioni possono essere stabilite in virtù del quoziente. Naturalmente l’introduzione del sistema del quoziente familiare deve essere applicata gradualmente, modificando le norme e misurandole sulle caratteristiche e le risorse del nostro Paese. Il quoziente familiare produce senza dubbio più equità, perché riesce a misurare più di quanto non faccia il nostro sistema fiscale, le condizioni economiche effettive delle famiglie. L’eredità ricevuta dal governo di centrodestra è pesante, ma sulla sfida del cambiamento dobbiamo incamminarci liberandoci dei vecchi fardelli ideologici secondo un sano spirito riformista capace di promuovere fiducia e speranza: questa è del resto la missione del Partito Democratico. Occorre perciò muoversi con maggior forza anche sul versante dei tagli di spesa e delle riforme strutturali per competere e creare condizioni favorevoli per tutti. Serve infatti al paese una scossa liberale sui temi della libertà, della concorrenza, apertura dei mercati, riconoscimento del merito, mobilità sociale, opportunità per i giovani, rottura delle barriere corporative.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.