E’ NECESSARIO REGOLARE IL FUNZIONAMENTO DEI CALL CENTER

Le notizie riportate a mezzo stampa dai quotidiani locali di ieri e oggi 13 novembre 2006, sulle liti avvenute davanti al call-center di Savignano in pieno centro storico, richiamano l’attenzione sull’attualità dei progetti di legge in materia che saranno a breve in discussione presso la Commissione Politiche Economiche dell’assemblea legislativa regionale presieduta da Damiano Zoffoli. Premesso che il numero dei call center è aumentato notevolmente nel territorio regionale, in assenza di una normativa di carattere generale finalizzata a definire condizioni omogenee di esercizio dell’attività e a garantirne lo svolgimento in condizioni di sicurezza adeguate all’elevato numero di persone che spesso vi stazionano, il Presidente della commissione Politiche Damiano Zoffoli sostiene, che anche alla luce di quanto successo nel centro storico di Savignano è necessario regolareil funzionamento dei call-center. I phone center che sono infatti, ubicati tanto nei grandi centri urbani quanto nei comuni di minori dimensioni, spesso osservano orari molto lunghi e per questo a volte determinano situazioni di contrasto con i residenti. Ad oggi i centri di telefonia sono soggetti alle norme del Codice delle comunicazioni elettroniche – per quanto riguarda la preventiva dichiarazione di inizio di attività da fornire al Ministero delle Comunicazioni – e del decreto legge n. 144 del 2005 (convertito nella legge n. 155 del 2005), che ha previsto la necessità della licenza del questore per chi mette a disposizione del pubblico terminali utilizzabili per le comunicazioni anche telematiche, ad esclusione del caso di sola installazione di telefoni pubblici a pagamento abilitati esclusivamente alla telefonia vocale. L’elevato numero delle attività avviate e i problemi di sicurezza connessi allo svolgimento delle medesime pongono ai comuni gravi difficoltà in assenza di una norma di carattere generale che disciplini questo tipo di attività, del tutto assimilabile, del resto, a quella di un esercizio commerciale. Facendo riferimento alla potestà legislativa esclusiva regionale in materia di commercio si ritiene necessario che anche le attività dei centri di telefonia siano oggetto di una normativa che ne regoli il funzionamento così come avviene per tutte le altre attività commerciali. L’obiettivo fondamentale- sostiene Damiano Zoffoli – è assicurare, da un lato, la completa funzionalità delle strutture, in termini di destinazione d’uso e di rispetto delle norme igienico-sanitarie, a garanzia dei clienti che vi si recano per telefonare; dall’altro, la rispondenza della struttura stessa alla funzione per la quale essa è stata aperta, nella garanzia della sicurezza, dell’ordine pubblico e della tranquillità dei residenti degli edifici circostanti. In particolare è pertanto opportuno che, una volta disciplinata l’esercizio dell’attività commerciale dalla Regione Emilia-Romagna, siano poi i comuni a calibrare i requisiti e le attività accessorie dei phone center conformemente alle specifiche esigenze del territorio, fatta salva comunque la partecipazione delle categorie interessate nel momento in cui vengono assunte queste decisioni, con disposizioni relative ai requisiti minimi dei locali, all’eventuale divieto di esercitare determinate attività integrative nei locali dei centri di telefonia e ad indicazioni operative per la tutela degli abitanti delle aree limitrofe ai phone center. Tra queste ultime possono essere ricomprese anche le disposizioni in tema di orari di apertura dei phone center. L’autonomia riconosciuta ai comuni in tema di requisiti minimi dei locali e di attività accessorie nasce dalla considerazione che i phone center possono assumere funzioni diverse a seconda delle zone in cui sono insediati; infatti, mentre nelle zone già ben dotate di altri esercizi commerciali è presumibile che essi si limitino a fornire i servizi di telefonia, nelle zone carenti di negozi essi possono includere anche vere e proprie attività commerciali.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.