“Il dissenso di oggi e il partito di domani” di Paola Binetti

Tratto da “Il Riformista” del 16.11.06- Zoffoli: “un intervento lucido e condivisibile su droga e Partito democratico: TU COSA NE PENSI? – Scrivimi! dzoffoli@emilia-romagna.it Intorno al tema della droga in questi giorni ha assunto una nuova prospettiva anche il dibattito sul Partito democratico e sulla difficile convivenza di culture molto diverse tra di loro. Qualcuno ha rispolverato un antico dilemma politico ed educativo nello stesso tempo, contrapponendo proibizionismo e permissivismo. Eppure il problema se lo si affronta in questi termini, è mal posto. Nelle ultime legislature si sono fatte diverse ipotesi e sono state elaborate diverse leggi sulla droga, tutte alla resa dei conti sono risultate inadeguate. E temo che anche questa ultima proposta rientri nelle soluzioni insoddisfacenti: non perché non siano comprensibili le intenzioni che la muovono, ma perché lo saranno gli effetti che assai presumibilmente si produrranno. In senso metaforico potremmo dire: meno gente in carcere e più gente malata, meno giovani criminalizzati e più giovani penalizzati sotto il profilo della propria libertà reale e della propria salute fisica e mentale. Ma è proprio il superamento di queste antinomie che dovrebbe rappresentare l’aspetto innovativo del Partito democratico, capace di fare sintesi tra atteggiamenti diversi, mettendosi alla ricerca di una soluzione efficace per quei problemi che finora non l’hanno trovata. 9 E’ chiaro che il problema della droga non lo si risolverà mai né criminalizzando chi ne fa uso – altra cosa è il rapporto con gli spacciatori – né elevando la dose minima consentita, fino a raddoppiarla. Sono soluzioni superate, nate da una mentalità che non è in grado di immaginare uno scenario nuovo in cui i giovani possano fare esperienze diverse, mettendomi in gioco in avventure che li appassionino e ne catturino l’interesse e la passione verso sfide di più alto profilo. Queste cose si possono dire stando all’interno di una visione della vita che ha valori in comune con la cultura cattolica, ma può essere perfettamente compresa anche da chi sogna semplicemente una società migliore di quella in cui viviamo, spesso soffocata da un consumismo fine a se stesso e da un qualunquismo individualista, ma animata da una continua ricerca di senso. La maggior parte dei giovani tende ad una progettualità positiva e propositiva e vorrebbe solo essere sostenuto nella ricerca dell’eccellenza nello studio, nella sana competitività nel lavoro e nel gusto per la vita in tutte le sue molteplici manifestazioni. Le diverse culture che convivono nella Margherita e che potranno solo essere amplificate e ulteriormente sfaccettate nel futuro Partito democratico, quando davvero si metterà mano a costruirlo nel suo quadro di valori e nella sua identità specifica, trovano anche davanti a questo problema una risposta articolata, ma non conflittuale. II no, chiaro e forte, al raddoppio della dose minima, condiviso da molti tra senatori e deputati della Margherita, convive perfettamente non solo con una cultura dell’accoglienza e della rieducazione nella vita di famiglia o nelle comunità terapeutiche, ma soprattutto con una cultura della prevenzione che fa leva su di una filosofia della scuola esigente e interessante, su una cultura del tempo libero che coinvolge i giovani nelle molteplici proposte della vita associativa e sportiva… e perché no anche su di una dimensione etica del nostro vivere che non ha nulla di confessionale, perché si fonda su di una educazione alla libertà e alla responsabilità, verso se e verso gli altri. A tutti loro con piena onestà intellettuale e al di là di qualsiasi manipolazione ideologica diciamo: attenzione, non è vero che un decreto ministeriale fissando a 40 la dose minima di spinelli assumibili in un giorno vi autorizza a farne uso. Legale non significa né lecito né tanto meno innocuo. E’ un decreto ministeriale, ma non vi tutela. Non vi manda in carcere oggi, ma non vi assicura nulla di buono per il vostro futuro. Cercate altre strade, aprite un dibattito a scuola, in famiglia, nelle vostre associazioni giovanili… perché anche questa è democrazia, anche questo è studio serio e soprattutto anche questo è futuro. Il Partito democratico c’è pure per assicurarvi un futuro migliore e più sicuro.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.