“DITE LA VOSTRA SULLA LEGGE” – è aperto il confronto sulle modifiche alla legge regionale n.7/98 sul turismo

Zoffoli: “rafforzare la promozione dei territori unitamente a quella dei prodotti” L’obiettivo dichiarato è quello di rafforzare la promozione dei territori unitamente a quella dei prodotti turistici puntando sul consolidamento del rapporto pubblico-privato. L’obiettivo dell’apertura del dibattito è quello di confrontarsi anche con gli operatori turistici e con le associazioni di categoria. In questo intento è importante che le modifiche alla legge regionale vengano introdotte con il più ampio consenso possibile a cominciare proprio dai privati imprenditori del settore, che nella maggior parte dei casi, attraverso aggregazioni e club di prodotto, partecipano, in qualità di soci, all’Unioni di prodotto. «La legge 7 del 1998 ha rappresentato un passaggio fondamentale nell’evoluzione del nostro turismo e ha dato e continua a dare ottima prova di sé – sottolinea Damiano Zoffoli, componente della Commissione Turismo della Regione – Il sistema virtuoso di relazioni pubblico-privato per la commercializzazione è e continua ad essere il suo fondamento e la ragione del suo successo. Tuttavia, nella Conferenza regionale del Turismo del 2003 enti locali ed imprese richiesero una migliore affermazione della promozione dei territori accanto a quella dei quattro prodotti (Unioni costa, città d’arte, terme e Appennino). In quell’occasione l’assessore regionale Pasi promise di tenerne conto e non a caso la riforma della 7/98 va esattamente in quella direzione. Ma la modifica della legge non cambia il buono che si è consolidato. Il sistema rimane basato sulla promo-commercializzazione dei prodotti e cioè sul legame pubblico-privato, attraverso le Unioni di Prodotto e l’A.p.t. servizi regionale, di cui viene precisato meglio il ruolo indispensabile per la promozione all’estero». «Accanto a tutto questo ed in un’ottica di sviluppo dei Programmi turistici di promozione locale – aggiunge Zoffoli- le Province potranno proporre progetti di Sistemi turistici locali (S.T.L.), previsti, tra l’altro, dalla legge quadro nazionale sul turismo (la 135 del 2001), appena rifinanziata dal Governo. Ma le scelte che riguardano il turismo, così come tradizione dei nostri territori, devono crescere attraverso un percorso di forte condivisione, in grado di coinvolgere i Comuni, le Associazioni di categoria, le imprese turistiche ed anche le Pro loco. Zoffoli: “Per contributi opinioni e pareri scrivimi” e-mail: dzoffoli@regione.emilia-romagna.it sito www.damianozoffoli.it

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.