Zoffoli: “Dobbiamo valorizzare le Pro-Loco”

Il consigliere regionale della Margherita Damiano Zoffoli ha presentato in Regione un Disegno di legge che riconosce e valorizza le associazioni Pro Loco quali associazioni di natura privatistica senza scopo di lucro che svolgono attività di promozione culturale sociale e turistica. Se in Emilia-Romagna la rete di queste associazioni è assai diffusa e si possono stimare in circa 300 le pro-loco operanti, mentre nel territorio della Provincia di Forlì-Cesena tali enti sono presenti in maniera capillare, soprattutto nel territorio collinare e montano e contribuiscono in maniera rilevante all’accoglienza e all’informazione turistica, culturale e ambientale delle nostre zone. Sono infatti ben 16 le realtà presenti nel comprensorio Cesenate e 22 su quello forlivese: Acquapartita, Alfero, Bagno di Romagna, Balze, Mercato Saraceno, Roncofreddo, Montecoronaro, Ranchio, Quarto, Monteleone, Sarsina, S. Piero in Bagno, Selvapiana, Sogliano, Borello, Savignano sul Rubicone, son quelle del comprensorio cesenate e, Bertinoro, Bocconi, Castrocaro, Civitella, Ciborio, Corniolo-Campigna, Spinello, Cusercoli, Dovadola, Forlimpopoli, Fiumana, Galeata, Meldola, Modigliana, Portico, Predappio Alta, Premilcuore, Rocca San Casciano, S.Benedetto in Alpe, Santa Sofia, Terra del Sole, Tredozio quelle del comprensorio forlivese. Tutto ciò premesso, e alla luce anche delle nuove competenze delle regioni nel settore del turismo e della valorizzazione territoriale, appare sempre più evidente la necessità di attribuire a questi enti una configurazione ben definita e di contribuire ad agevolarne l’attività. «Il progetto di legge presentato è una proposta che persegue alcuni obiettivi ormai necessari – afferma il consigliere Zoffoli – e cioè dare ordine al settore, realizzare in sede regionale un osservatorio sulle attività delle Pro Loco nei diversi territori, agevolare l’accesso ad eventuali finanziamenti regionali delle pro-loco e loro Comitati, valorizzare in un ottica di sussidiarietà orizzontale e verticale il ruolo degli enti territoriali sub regionali, attivando un percorso di valorizzazione dei Comuni e delle Province». «Per questo motivo – prosegue Zoffoli- il progetto di legge presentata si aggiunge alla proposta di riforma della legge 7 sul “turismo, la promozione e valorizzazione del territorio”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.