Appunti per il congresso provinciale di Forlì-Cesena del 10/03/07

La stagione congressuale della Margherita richiede un grande sforzo di generosità e di coraggio per superare questa lunga fase di transizione e dare certezze al futuro democratico dell’Italia. La democrazia moderna è una democrazia dei partiti, nasce e si sviluppa con loro. La nostra Costituzione, all’articolo 49, dispone: «tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale». I partiti svolgono una funzione fondamentale di collegamento fra governati e governanti ed è per questo che è necessario guardare al loro stato di salute. La politica italiana vive un momento difficile che è sotto gli occhi di tutti. I partiti non mobilitano più i cittadini, stentano a comunicare con la società, rispetto alla quale sussiste una crescente separatezza che risulta dannosa anzitutto perché esclude la gente dal luogo delle decisioni e perché sta portando ad una degenerazione della vita interna degli stessi partiti. Il rischio dunque è di passare dalla vecchia partitocrazia con il predominio dei partiti su ogni aspetto della vita pubblica e la burocratizzazione degli apparati, all’attuale partitocrazia senza partiti cioè al potere smisurato di soggetti politici privi di democrazia interna anche a causa delle spinte oligarchiche alimentate dall’ultima legge elettorale. Basti pensare in questo senso che i candidati «eletti» in Parlamento sono di fatto predeterminati dai vertici di partito, con un sistema di liste bloccate che non lascia nessuna scelta agli elettori. Un sistema che annulla ogni possibilità di selezione per merito e qualità e rende vano lo stesso dibattito interno ai partiti. Il grado di fedeltà al capo, cui la legge assegna la possibilità di scelta di ogni candidatura, diviene la bussola di ogni comportamento. Mettere in discussione la “linea” del capo equivale a mettere in discussione la propria sopravvivenza politica ed è anche per questo che all’interno dei partiti si discute sempre meno di politica. Venendo meno la partecipazione si sono rarefatti gli «anticorpi» della vigilanza interna sui comportamenti dei gruppi dirigenti, sempre più tali perlopiù per cooptazione.Attualmente giacciono in Parlamento diverse proposte, ma la novità politica più significativa è arrivata nell’ottobre del 2006 dai seminari de «I Popolari» (Cianciano), e dell’Ulivo (Orvieto). In particolare, a Orvieto, il documento sulla forma partito indica tra i futuri impegni la presentazione di «un progetto di legge che dia attuazione all’art. 49 della Costituzione» per consentire l’acquisizione della personalità giuridica dei partiti – con lo stesso procedimento utilizzato per le fondazioni e le associazioni – in modo da tutelare le minoranze attraverso le norme del codice civile. La sfida quindi è costruire dal basso il partito nuovo dei democratici. Un partito vero, non di plastica che sia in grado di aggregare, interpretare e rispondere alle paure e alle speranze del nostro tempo, parlare con chiarezza e semplicità all’intelligenza e al cuore della gente. Si tratta in sostanza di dare corso all’idea e al progetto originario della Margherita quale anima dell’Ulivo, infatti la vera novità, per non essere confusa con l’effimera attualità, ha sempre una radice antica. Per noi questa radice è la carta costituzionale della repubblica italiana. Questo patrimonio di storie e culture diverse, che ha costruito l’Italia del dopo guerra non va liquidato, ma bensì attualizzato alla luce delle sfide del nuovo secolo, come fondamento quotidiano del nostro agire. Anche a livello europeo dobbiamo costruire con le pietre dei muri abbattuti una nuova casa comune. In questo percorso verso il Partito democratico condivido la necessità di non accelerare ma di intensificare il lavoro. Non possiamo permetterci infatti di trascurare alcun problema e per ciascuno bisogna trovare una soluzione. I partiti nuovi infatti nascono da un bisogno nazionale e da un progetto di modernizzazione del Paese. Nascono da un’ esigenza storica, e dalla richiesta di un elettorato che ha davanti agli occhi quanto inadatto sia il sistema politico così com’ è; quanto sia vecchio e superato, al punto da costringere persone che la pensano in modo molto simile a militare in schieramenti opposti, e spesso gli opposti a stare insieme. E’ difficile negare che l’ Italia abbia bisogno oggi di un soffio di novità in politica e di un soffio di libertà in economia. Perché ciò che va fatto è chiaro: le riforme di mercato, le liberalizzazioni, la promozione del merito e del talento, lo svecchiamento di un Paese e di una politica ingessati. E se non lo faremo noi, qualcun altro prima o poi lo farà. Documenti come il manifesto del Pd sono una buona piattaforma di lavoro, ma mancano ancora risposte soddisfacenti sul piano culturale e su quello organizzativo. Forma partito, collocazione internazionale, rapporto coi partiti fondatori, allargamento del processo costituente a soggetti di una società civile che va rimotivata alla partecipazione politica restano punti ancora non completamente definiti. Soprattutto i Ds devono essere più consapevoli, per esempio che il Pd non dovrà “abitare” nelle sedi dei nostri due partiti. Ciò significa quindi, casa nuova, giornale nuovo, simboli nuovi, feste nuove.. E dev’essere soprattutto la Margherita a spingere per fare un vero soggetto nuovo anche attraverso una vera discontinuità organizzativa, infatti se c’è un punto sul quale nei Ds non c’è mai stata discontinuità con la loro storia precedente è proprio il modello organizzativo. Su questo piano serve un segnale forte. Anche sul versante del confronto culturale ci sono difficoltà oggettive da superare e la Margherita ne è la prova dato che questa è stata la sua scommessa più importante. Anche su questo tema infatti il Pd è ancora indietro, lo dimostra proprio il dibattito sulla laicità in merito ai Dico che ha riportato all’ordine del giorno temi come l’autonomia dei cattolici in politica e il ruolo del cattolicesimo democratico, ma ha anche aperto un confronto all’interno del mondo cattolico. Il ruolo dei cattolici è uno dei nodi critici della politica italiana, lo è nel Pd e anche nella Margherita. È tempo di aprire una breccia e di dare cittadinanza a un modo diverso di intendere il nesso tra valori e politica nella società postsecolare, senza lasciarsi imprigionare nella tenaglia del laicismo da combattimento da un lato e del fondamentalismo dei valori dall’altro. Una presenza che non nasconde la sorgente da cui attinge, ma che è pienamente consapevole che i valori cristiani non si possono né brandire, né imporre, ma solo proporre secondo il metodo della ragionevolezza civica, ovvero argomentando e convincendo gli altri della bontà di una scelta. La storia dei cattolici democratici è storia di libertà. Se vogliono continuare a fare storia non possono rassegnarsi a vedere la religione usata per giustificare una chiusura asfittica nel proprio territorio o per legittimare uno scontro di civiltà. Non si può non reagire all’affermarsi di un «cattolicesimo consolatorio, di accompagnamento all’eclissi del Paese, reazionario perché rassegnato». Sono convinto che il cattolicesimo è una risorsa per il Paese. Non dico che è l’unica, ma è forse la più grande risorsa sul piano ideale che abbia una storia, che sia organica, che viva una continuità con il passato e non rinunci a proiettarsi sul futuro. Serve allora una nuova prospettiva, un posto per i cattolici che vogliono ancora rischiare per il futuro misurandosi con le urgenze del tempo e cercando di dire qualche parola significativa sul destino del Paese. La tradizione cattolico-democratica, che ha alimentato a lungo una cultura di governo e che ha sostenuto la ricostruzione e lo sviluppo dell’Italia, si trova oggi a un bivio. L’espandersi della libertà delle persone non risiede più, almeno in via prioritaria, nel progresso sociale, in una crescita delle risorse a disposizione. La visione trascendente della persona umana si presenta così come una risorsa decisiva per rispondere ai nuovi interrogativi sulla libertà: non solo libertà da e libertà di, ma anche libertà per. Condivido personalmente quanto detto dall’Arcivescovo di Genova Bagnasco, dopo la nomina al vertice della Conferenza episcopale italiana: «La laicità significa autonomia della sfera civile e politica da quella religiosa, ma non da quella morale. La dimensione morale, etica, non può essere rifiutata dagli ordinamenti di una società». Il dialogo perlatro non va mai chiuso anche con chi esprime posizioni particolarmente distanti. Non si pensi però di costruire il partito democratico bypassando tali questioni magari cercando di rinchiuderci nel comodo recinto dei fondamentalisti. Sarebbe un errore fatale per la nascita del nuovo soggetto politico, che anziché puntare a diventare un partito “nazionale”, cioè capace di rappresentare un sentire diffuso nel Paese, si consegnerebbe ad una deriva zapaterista. Con tutte le conseguenze del caso, anche elettorali. La nostra Carta costituzionale, proprio per la sua impostazione personalista, considera centrale non solo il valore dell’autonomia del singolo ma anche le relazioni e i legami solidaristici in cui la persona è inserita ,tutelando i rapporti familiari, religiosi e associativi. Dunque abbiamo una vera miniera dalla quale attingere per contrastare la concezione individualistica dei diritti e insieme riconoscere piena libertà alle persone. Abbassiamo i toni, incominciamo a lavorare anche al riparo dei riflettori mediatici e mettiamo al centro il bene delle persone e della nostra comunità: questa è l’unica strada possibile. La sfida infatti è essenzialmente etica: di fronte ad una società che ci propone un soggettivismo senza responsabilità e una cultura dei diritti senza i doveri occorre riaffermare una visione personalistica della libertà, un’etica del limite come argine al determinismo tecnologico, la promozione della pace e dell’equità sociale, la concezione della famiglia come soggetto sociale, una visione integrale dei diritti umani. Nel supermarket che ci offre la società dei consumi infatti siamo al contempo tutti insieme, ma tragicamente soli. Di fronte al senso di disagio e all’impressione crescente di declino politico-sociale che ci avvolge, occorre non solo una testimonianza personale, ma una più ampia azione collettiva per la ricostruzione di un costume di vita improntato al rispetto delle leggi, inteso non solo a reprimere i comportamenti devianti, ma a promuovere la pratica dell’onestà; a individuare e dettare le regole più giuste di convivenza; a interiorizzarle nella coscienza come modelli condivisi ed osservati, non per timore del castigo, ma per il loro intrinseco e positivo valore. Se questa è la sfida; per parte nostra diciamo un si chiaro e responsabile alla costruzione del partito nuovo, ma non siamo disponibili ad accettare semplificazioni e strumentali divisioni fra chi dice di volerlo fare e non ci crede (ponendo chiusure e difficoltà) e chi ci crede e pur di farlo è disponibile a vedere mortificato l’apporto culturale e sociale su cui si fondano le ragioni e gli ideali della Margherita. Abbiamo una grande responsabilità e ambizione: il superamento dell’unità partitica dei cattolici non può e non deve ridursi una indistinta “cosa di sinistra” assolutamente incapace di far fronte ad una destra spesso povera di idee, ma radicata negli strati profondi della società. Per vincere la sfida occorre dunque un dibattito congressuale vero e leale sui contenuti, i tempi e le modalità del futuro soggetto politico per garantire un’ampia partecipazione e coinvolgere al massimo i cittadini, per rilanciare la funzione dei partiti e la loro democrazia interna. Vogliamo anzitutto un partito locale che valorizzi nell’ottica di una “provincia integrata”, il livello comprensoriale e i comuni minori e della periferia, che metta a disposizione dei giovani e delle donne percorsi di approfondimento e partecipazione e li valorizzi negli organi di partito, che si rapporti maggiormente con i corpi intermedi della società nell’ottica della sussidiarietà, che sia dunque la sede propria delle decisioni e non della loro semplice ratifica. Non dobbiamo essere ipocriti nascondendo le difficoltà in cui è vissuta l’esperienza politica della Margherita della provincia di Forlì-Cesena. Difficoltà dettate da un parto travagliato che ha visto utilizzare i circoli come un mero strumento di controllo, più che di proposta politica e da un crescita spesso ostacolata dalle reciproche diffidenze e dalla volontà di mantenere al minimo i livelli di confronto e discussione nel partito. Oggi, con la proposta unitaria di questo congresso vogliamo anche cercare di superare gli errori del passato, facendone tesoro e costruendo un partito, funzionante, democratico, attento alle dinamiche sociali ed economiche provinciali, che partendo dal coinvolgimento del popolo delle primarie sappia ritrovare radici salde ed occhi nuovi per il futuro. La sfida richiede la forza e la volontà di un confronto sereno. Il dialogo non nega la dialettica anche vivace, anzi la esige, perché per vivere, il dialogo ha bisogno di verità e lealtà. I diplomatismi, le ambiguità, incrinano i rapporti molto più di un confronto aperto e franco. Si parla tanto di “cambiamento” e di partito democratico, ma a buon conto si rimane piantati nell’oggi, negli interessi codificati, nel nostro piccolo orizzonte, nelle abitudini incrollabili, mentre i volti delle persone che incontriamo ci pongono sempre delle domande nuove: siamo disponibili insieme a metterci in gioco e a rischiare per dare voce e gambe alle loro speranze?

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.