GLI OBIETTIVI DELLA REGIONE SULL’ENERGIA

INIZIATA LA DISCUSSIONE DEL PIANO ENERGETICO REGIONALE NELLA COMMISSIONE POLITICHE ECONOMICHE Da alcune settimane nella Commissione Politiche economiche che presiedo è approdato il Piano energetico regionale. Tocca ora alla Commissione gestire l’iter di discussione e di confronto. Il Piano disegna lo scenario dei fabbisogni e dei consumi energetici al 2015 e gli obiettivi di risparmio e di sviluppo delle fonti rinnovabili. Con questo piano è nostra intenzione coniugare sicurezza, economicità degli approvvigionamenti e competitività del sistema produttivo con una attenzione particolare alla compatibilità ambientale, per affermare con forza un progetto complessivo di sviluppo sostenibile. Questi sono i quattro obiettivi della Regione: «Il primo obiettivo è il risparmio energetico che deve arrivare al 10% del consumo totale lordo, pari a 1milione e 700mila tonnellate equivalenti di petrolio». «Il secondo obiettivo è il rispetto del Protocollo di Kyoto, che per la nostra Regione significa una riduzione di 5,8milioni di tonnellate di CO2». «Occorre giungere inoltre all’autosufficienza della produzione di energia elettrica puntando, non sulla costruzione di grandi centrali, ma di piccole centrali e teleriscaldamento. Dalla microgenerazione si attendono circa 600 MW in più». Ultimo obiettivo le fonti rinnovabili. Puntiamo a raddoppiare le fonti rinnovabili: più 400 MW per coprire il 20-25% della produzione interna. Il PER , sostiene inoltre il distretto rurale romagnolo delle agro-energie; già attivato con il progetto comunitario BETER coordinato dal Parco tecnologico Centuria-Rit in partnernariato fra le province di Forlì-Cesena e Ravenna e grazie all’impegno qualificato dell’Ass. Gianluca Bagnara. Tale distretto avrà la principale funzione di programmazione, coordinamento progettuale, redazione di intese di filiera o contratti di programma per lo sviluppo delle agro-energie sul territorio provinciale e, qualora richiesto, di area vasta romagnola. Nel primo triennio 2007-2009 la Regione metterà a disposizione per l’attuazione degli obiettivi indicati, circa 90milioni di euro.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.