UNA TESTA UN VOTO NON DEVE RIMANERE UNO SLOGAN

Dopo i congressi locali e nazionali della Margherita e dei Democratici di Sinistra occorre cominciare a far vivere e sviluppare concretamente la decisione chiara ed irreversibile di costruzione del Partito Democratico. Non è infatti più in discussione il se e il perché, ma il come dar vita al partito nuovo. Questo è il messaggio emerso anche dal congresso a cui ho partecipato e nel quale sono stato eletto componente dell’Assemblea Federale Nazionale. Con entusiasmo dobbiamo affrontare la fase costituente per realizzare insieme la casa comune dei riformisti. Il Partito Democratico corrisponde a un’idea coraggiosa, un pensiero forte e generoso, un’esigenza di giustizia fondata sulla centralità della persona che ha la sua solida radice culturale nella Costituzione italiana. La sfida del partito democratico è dunque quella di attualizzare il metodo fatto proprio dai costituenti sviluppando tutte le potenzialità in essa contenute. Un punto di partenza fondamentale dunque per affrontare nuove e radicali sfide del nostro tempo. La globalizzazione infatti non è più solo un fenomeno economico e finanziario, ma anche una vera e propria “rivoluzione culturale” che rimescola in profondità abitudini certezze e stili di vita per milioni di donne e uomini. Nessuna rendita di posizione può essere invocata per la costruzione del soggetto politico nuovo, si tratta di una sfida storica, una richiesta di partecipazione politica autentica, vera, che deve rispondere alle paure e alle speranze dei cittadini. Per far ciò, si riparta dal territorio delle nostre città dove la politica ha il volto della concretezza per garantire alle nostre famiglie, alle imprese ed ai giovani innanzi tutto il primo dei diritti: il “diritto al futuro”. Una testa un voto non deve rimanere uno slogan e per questo lavorerò per moltiplicare le occasioni di incontro e le opportunità di partecipazione della gente. Il Partito Democratico deve nascere non solo dalla fusione delle attuali classi dirigente dei partiti, ma come un’espressione vera di popolo.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.