CIO’ CHE E’ BENE PER LA FAMIGLIA E’ BENE PER IL PAESE

LA FAMIGLIA UNISCE LAICI E CATTOLICI

Sabato 12 maggio ero presente alla manifestazione nazionale per la famiglia che ha registrato una grande e gioiosa partecipazione rispondendo ad attese diffuse e ad un ampio sentire popolare. E’ stata infatti a mio avviso un incontro di popolo che ha superato le anguste dimensioni della politica di parte e che secondo il principio dell’ “unità nella diversità” ha visto la numerosa presenza dei laici cristiani consapevoli dell’importanza del loro ruolo nella società. Nessuna volontà di imporre i propri ideali religiosi, ma bensì di testimoniare nella concretezza come la famiglia sia un valore universale, in cui credere per il bene comune, il bene dell’Italia. Operare inoltre perché sia data centralità culturale, politica e sociale alla famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna e aperto alla fecondità, esige che si determini una condizione culturale che veda cattolici e laici agire di concerto e non attraverso contrapposizioni o anacronistiche contro-manifestazioni. Come ha detto Savino Pezzotta in qualità portavoce del Forum delle Associazioni Familiari a conclusione del Family Day: “Noi vogliamo bene alla nostra Costituzione e per questo vogliamo che nella Repubblica Italiana si rimetta al centro il tema della famiglia dal punto di vista culturale, sociale, economico e politico. La famiglia sempre di più diventa un bene e un “affare” pubblico che contribuisce a formare la coesione sociale e la qualità dello sviluppo, elementi senza i quali la repubblica deperisce. In pratica se un tempo abbiamo costruito, per contrastare le disuguaglianze generate dal nascere e dal consolidarsi della società industriale, un sistema di protezione sociale attorno alla figura del lavoratore, oggi occorre, se vogliamo evitare il crescere di disuguaglianze, riformare in profondità il nostro welfare e ricentrarlo sulle esigenze della famiglia”. Che fare dunque? La scelta del governo di istituire per la prima volta nella storia del nostro Paese un Ministero delle politiche per la famiglia che ha indetto la Conferenza Nazionale sulla Famiglia rappresenta una chiara indicazione della volontà di cambiare passo mettendo la famiglia al centro delle politiche di welfare con l’obiettivo di tutelare i diritti delle persone e quelli della famiglia nel suo complesso, dando in questo modo attuazione concreta al dettato costituzionale che riconosce a questo soggetto sociale un ruolo di primo piano nella costruzione di una società capace di futuro. Questa scelta intende colmare il gap che separa l’Italia dagli altri Paesi europei soprattutto in considerazione delle risorse destinate al sostegno della famiglia per renderla motore di sviluppo e di crescita di tutto il Paese. Le leve su cui agire sono cinque: quella fiscale; i sostegni al reddito; la rete dei servizi; la conciliazione di lavoro e famiglia; l’investimento sulle generazioni di domani. Sul sistema fiscale la discussione è ancora piuttosto aperta. L’unica cosa certa che sappiamo è che così non va; che così le famiglie con figli sono penalizzate e che l’equità dei singoli cittadini nella contribuzione fiscale è apertamente e gravemente violata. Il fenomeno più vergognoso è l’incapienza; ci sono quasi mezzo milione di famiglie con tre e più figli che si vedono sottratti mediamente 800 euro di detrazioni non godute, perché hanno un ammontare di imposte più basso della detrazione spettante. Questo sistema penalizza certamente le famiglie numerose, monoreddito e monoparentali e quelle più povere. Occorre assumere in questo senso un principio semplice e lineare: tassare non il reddito nominale, ma quello effettivamente disponibile. Cioè tener conto della composizione del nucleo familiare nel determinare l’ammontare di imposta effettiva. Sui sostegni al reddito lo strumento principale è certamente l’assegno familiare che progressivamente deve diventare una misura sostanzialmente universalistica; così come si sostiene la famiglia nella cura dei più piccoli, altrettanto deve avvenire con i parenti anziani non autosufficienti (fondo per la non autosufficienza). Una misura indicata nel disegno di legge Bobba-Treu, – l’assegno alla nascita – rappresenta un incentivo effettivo alla natalità. Sulla rete dei servizi va fatto il lavoro più consistente soprattutto nei servizi materno infantili, nell’assistenza domiciliare e nella possibilità di detrarre i costi di baby sitter con un possibile effetto positivo di emersione di lavoro in gran parte sommerso. Circa la conciliazione gli strumenti più importanti sono tre: il part-time a richiesta; il congedo parentale; il sostegno al reingresso al lavoro specialmente per le donne. Nel già citato disegno di legge Bobba-Treu sono indicate misure concrete per favorire la scelta del part-time senza penalizzare le aziende; con un incentivo al congedo parentale attraverso una estensione temporale della durata e una maggior copertura del salario mancato. Riguardo al capitolo sulle pensioni occorre riconoscere alle donne una contribuzione figurativa pari ad un anno per ogni figlio. Queste misure di conciliazione si potrebbero finanziare con un contributo di solidarietà a carico di coloro che continuano a lavorare pur essendo già in pensione. Il 25% della contribuzione dovuta rappresenterebbe una dotazione di risorse di circa 1,5 miliardi. Infine l’investimento nelle generazioni future con il “baby bond” che potrebbe essere definito come un “conto personale di cittadinanza”. Una dote di risparmio privilegiato da riscattare alla maggiore età del figlio. Un risparmio finalizzato a garantire pari opportunità a tutti, anche ai figli delle famiglie più povere. In conclusione se non vogliamo lasciare sole le famiglie nel mettere al mondo dei figli, nell’allevarli, educarli e mandarli a scuola, occorre cambiare rotta. I nostri figli sono l’Italia di domani; le famiglie sono una risorsa decisiva per la coesione sociale e per la qualità del vivere di ciascuno. L’investimento che fanno su ogni bambino (un totale di circa 100 mila euro da 0 a 18 anni) non può essere considerato un investimento unicamente privato. Perché i contributi e le tasse che questi bambini verseranno, diventati grandi e entrati nel mercato del lavoro, serviranno per pagare le pensioni e l’assistenza sanitaria per i più anziani. Per il futuro dell’Italia bisogna sostenere le generazioni di mezzo: quella che tiene per mano i bambini (l’Italia di domani) e che non può abbandonare gli anziani (l’Italia di ieri). La catena generazionale è la più elementare forma di welfare: bisogna evitare che si spezzi, che gli anelli più deboli vengano sganciati. Pena ritrovarsi un Paese troppo vecchio e privo di energie per il futuro. Per far ripartire l’Italia, bisogna ripartire dalla famiglia.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.