CI VUOLE CORAGGIO

I risultati della recente tornata elettorale ci spingono ad una riflessione sulle prospettive del governo del paese e sul futuro delle vecchie e nuove forze politiche. Credo che gli elementi salienti di queste elezioni siano soprattutto il calo dei votanti e il brutto risultato dei candidati del centrosinistra nel nord del paese. La scarsa affluenza al voto con un calo del 2% alle comunali e del 6% alle provinciali è un segnale preoccupante di una disaffezione sempre più forte ed estesa dalla politica dei cittadini. E’ un segnale che va colto nella sua portata reale che è quella di una sfiducia crescente non solo nella politica come strumento credibile e virtuoso di ricerca del bene comune, ma anche nella classe politica. Una classe politica che non riesce a immaginarsi un futuro, che non sa rigenerarsi dando spazio alle nuove generazioni e che ormai vive in un mondo separato, ovattato e privilegiato, lontano dai bisogni della gente comune. E questa riflessione non può che intersecarsi con quella della nascita del Partito democratico. Se vorrà essere infatti un partito popolare, dovrà generarsi attraverso un percorso di partecipazione vero, in cui al principio di una testa un voto si affianchi anche l’elezione diretta da parte dei cittadini dei suoi leaders. Solo così, restituendo ai cittadini la possibilità di divenire arbitri delle scelte politiche e delle persone che le incarnano, si potrà sperare anche in un recupero della fiducia smarrita. Anche il deludente risultato conseguito nel Nord del paese dal centrosinistra non può essere minimizzato per la caratteristica amministrativa della consultazione elettorale. Siamo stati sconfitti, in alcuni casi sonoramente, nelle aree più produttive del paese dove maggiore è la sensazione di un governo che fatica a decidere e a togliersi i panni del “risanatore” per trasformarsi in “liberatore” di talenti e di energie. Il governo e il parlamento devono perciò assolutamente scegliere una linea che oltre al rigore necessario al risanamento diminuisca i costi della politica, migliori i servizi della pubblica amministrazione, alleggerisca i vincoli burocratici, favorisca le libertà economiche e lo sviluppo. Occorre poi che queste idee siano incarnate da uomini in grado di manifestare una leadership politica fatta di credibilità personale e coerenza politica, ma anche di freschezza, energia e comunicatività. Bisogna perciò anticipare ad ottobre l’elezione diretta del leader del Partito democratico per indicare ai cittadini il senso del cambiamento e della novità del Partito Democratico. Ci vuole coraggio abbandonando ogni rendita di posizione per fare le riforme e per modernizzare il paese. Il rischio è il galleggiamento e l’immobilismo con la certezza di una sicura disfatta futura.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.