PIANO SOCIALE E SANITARIO 2007-2009

Il Piano sociale e sanitario 2007 – 2009 attualmente in discussione nell’assemblea legislativa regionale porta a compimento un sistema integrato di servizi sociali, socio-sanitari e sanitari per la realizzazione di un nuovo welfare universalistico, equo, radicato nelle comunità locali e nella regione. Un processo avviato con le leggi regionali n. 2 del 2003 (legge quadro sui servizi sociali) e n. 29 del 2004 (legge di riorganizzazione del Servizio sanitario regionale). In Emilia-Romagna la diffusa e funzionale rete di servizi pubblici e privati, il ricco tessuto sindacale, della cooperazione, del volontariato laico e religioso, alimentano un capitale sociale che rappresenta una grande risorsa contro i rischi della emarginazione e della solitudine, ma i mutamenti che si sono verificati nell’ultimo trentennio sono stati contraddistinti da un ritmo e una profondità mai sperimentati prima. L’Emilia-Romagna è una regione indubbiamente più ricca rispetto al passato, il benessere è diffuso, ma sono potenzialmente in aumento le disuguaglianze e i rischi di vulnerabilità e di esclusione sociale per fasce di popolazione. Le politiche regionali negli anni recenti hanno investito sull’obiettivo di far nascere sistemi di welfare locali centrati sulla lettura dei bisogni e della programmazione in forma associata e concertata (i Piani di zona). Tale obiettivo si coniuga con la valorizzazione del ruolo della Regione come ente di programmazione, di regolazione e di indirizzo, degli Enti locali quali enti di programmazione, di progettazione ed erogazione dei servizi, dell’associazionismo e del volontariato quali soggetti partecipi all’erogazione dei servizi. I Piani per la salute, i Piani di zona, il Piano di azione per gli anziani, il Programma per l’integrazione dei cittadini stranieri, hanno rappresentato alcuni dei principali strumenti di intervento e il Piano sociale e sanitario ne ripropone i contenuti in modo integrato in uno strumento unico di programmazione locale: il “Piano di zona distrettuale per la salute e per il benessere sociale” . Il Piano sociale e sanitario 2007-2009 conferma e rilancia il nuovo ruolo del Distretto quale punto di programmazione e di erogazione dell’assistenza primaria e quale luogo appropriato per l’integrazione tra soggetti e servizi sanitari, socio-sanitari e sociali, gestiti dal pubblico (Aziende Usl, ASP, Comuni) o dal privato sociale profit e no profit. In questo quadro, di fondamentale importanza il ruolo dei medici di famiglia la cui attività deve avvenire in forme associate (i Nuclei delle cure primarie del Distretto) in modo da garantire maggiore accessibilità con ampliamento degli orari di apertura degli ambulatori e continuità delle cure attraverso la rete con gli altri servizi. Il Piano prevede inoltre un sistema dei servizi universalistico, finanziato dai Fondi sociali nazionale e regionale gestiti dai Comuni; definisce una graduazione degli accessi per indirizzare le risorse e i servizi verso le situazioni caratterizzate da maggiore fragilità sociale e da bisogni di maggiore intensità perseguendo equità nell’accesso (a pari bisogni e condizioni, pari servizi) ed equità nella compartecipazione alla spesa (applicazione dell’ISEE, strumento di valutare della situazione economica complessiva della famiglia: reddito, situazione patrimoniale, numerosità del nucleo familiare). Nel corso del triennio di applicazione del Piano saranno sperimentati inoltre “titoli per la fruizione di servizi”, vale a dire titoli, in alternativa all’assegno di cura, assegnati sulla base di specifici requisiti, per l’accesso ai servizi, a partire da quelli di assistenza domiciliare accreditati. “Carte dei servizi sociali” saranno realizzate e diffuse a livello di Comuni associati al fine di mettere in luce le procedure di accesso e gli standard di qualità. Per l’accesso al sistema dei servizi, ciascuna zona (l’ambito territoriale, distrettuale, in cui si realizza il Piano di zona) si dovrà dotare di una funzione di “Sportello sociale” costituito da più punti (ne sono già stati realizzati 32) per informare e orientare sul sistema dei servizi e sulle procedure di accesso, con iniziative dedicate alla facilitazione dell’accesso alle persone in condizione di maggiore fragilità, a partire dalla popolazione immigrata e dagli anziani.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.