AIUTARE L’APICOLTURA MIGLIORANDO PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE

Zoffoli (DL): “ Aiutiamo l’apicoltura, un settore crescente anche in provincia di Forlì e Cesena ”

Presentato il piano triennale sul “Miglioramento produzione e commercializzazione prodotti apicoltura” in Assemblea Legislativa Il secondo Programma triennale 2008/2010 discusso oggi in Assemblea Legislativa sul “Miglioramento produzione e commercializzazione prodotti apicoltura” è stato presentato da Damiano Zoffoli, presidente della Commissione Politiche economiche.

Si tratta di un piano concertato con il tavolo regionale dell’apicoltura, con i rappresentanti delle organizzazioni professionali agricole e cooperative regionali, con i rappresentanti delle associazioni dei produttori del settore apistico, con l’Istituto di Apicoltura, con l’Osservatorio nazionale del miele ed il Consorzio Nazionale degli apicoltori di Monterenzio. «In attesa dell’approvazione dell’Unione Europea – ha spiega Zoffoli in Aula – la proposta prevede uno stanziamento di risorse di circa 700 mila euro per ciascun anno, in linea con l’aumento del patrimonio apistico della regione, per un totale nel triennio di circa 2 milioni e 100 mila euro». «L’apicoltura costituisce un settore di importanza crescente per l’economia agricola regionale ed è strettamente legato alle produzioni che sono impiantate sul nostro territorio, in particolare orticole, frutticole e foraggiere – ha spiegato Zoffoli – Questa attività economica legata all’agricoltura rappresenta il più delle volte una importante fonte di integrazione al reddito aziendale e viene condotta in varie forme: gli apicoltori sono talvolta semplici hobbisti, semiprofessionisti, ma anche professionisti veri e propri». «Anche in provincia di Forlì-Cesena l´apicoltura riveste un ruolo sempre più importante nell´ambito dell´economia agricola e sono in crescita le esperienze significative del settore». L’Associazione Apicoltori Forlivesi conta infatti circa 260 soci e un patrimonio di circa 14.000 alveari per una produzione di 350.000 Kg annui e si pone tra le maggiori realtà dell’intera regione. «A ciò si aggiunga un ulteriore 30-40% di apicoltori che passano direttamente dai servizi veterinari senza associarsi per capire l’importanza di questo segmento importante dell’economia agricola», ha concluso Zoffoli . L’apicoltura è esercitata su tutto il territorio regionale e coinvolge circa 10 mila persone, con un numero di alveari che si attesta intorno ai 106 mila, con una produzione complessiva che è pari a circa 2.000 tonnellate all’anno di miele.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.