PRESENTATA UNA RISOLUZIONE IN ASSEMBLEA LEGISLATIVA SUL CASELLO DEL RUBICONE

Alla Presidente dell’Assemblea Legislativa

RISOLUZIONE

L’Assemblea Legislativa dell’Emilia Romagna

premesso

che la Commissione VIA del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio non ha concesso il proprio benestare al progetto di realizzazione del nuovo svincolo autostradale del Rubicone, opera per la quale sono già stati destinati ingenti finanziamenti coperti nella misura del 75% con risorse della Provincia di Forlì – Cesena e dei Comuni del Comprensorio Cesenate;

che la motivazione del rigetto riguarderebbe la procedura semplificata (screenig) che non avrebbe permesso una adeguata informazione e tutela dei cittadini;

considerato

che l’area produttiva della zona del “Rubicone” è una della realtà più dinamiche della Regione Emilia Romagna e che il casello autostradale consentirebbe un più diretto collegamento con l’area della costa adriatica romagnola e conseguente atteso alleggerimento del traffico di tutto il territorio con indubitabili benefici ambientali;

che la realizzazione del Casello del Rubicone ha avuto lungo percorso di dibattito pubblico, durato oltre undici anni, e di coinvolgimento di tutti gli enti locali del territorio interessato;

che il progetto è stato presente in tutti i programmi elettorali delle forze politiche dei comuni interessati, per cui i cittadini erano ampiamente consapevoli del progetto in esame;

che tutte le associazioni sindacali e sociali del territorio, ne hanno più volte richiesto e sollecitato la realizzazione in quanto, esigenza per lo sviluppo, per la razionalizzazione del traffico e per la tutela dell’ambientale

atteso

che la riapertura di una procedura di VIA darebbero corso a nuove ed ulteriori consultazioni di enti, associazioni e cittadini, che sono già stati più volte coinvolti;

che il percorso già svolto non ha dato luogo a contestazioni ed osservazioni di particolare rilievo;

che è urgente dare avvio ai lavori già da tempo attesi e programmati, e resi ulteriormente necessari dall’incremento del traffico in tutto il territorio interessato, con conseguenti gravi danni ambientali;

che con la realizzazione della terza corsia autostradale la società autostrade ha già ottenuto una valutazione di impatto ambientale e che quindi la eventuale riapertura sarebbe soltanto una ripetizione della precedente;

IMPEGNA

La Regione Emilia Romagna ad invitare la Commissione di Via del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio a rivedere con urgenza la decisione presa, dando il necessario parere favorevole alla realizzazione del progetto, così da consentire il più rapido avvio dei lavori.

Damiano Zoffoli,

Luca Bartolini,

Paolo Lucchi,

Antonio Nervegna.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.