Il nuovo progetto di legge sui Giovani della Regione Emilia-Romagna

Pubblico, qui di seguito, una sintesi del nuovo progetto di legge sulle giovani generazioni, su cui mi attendo le vostre osservazioni, considerazioni, contributi.

1. Bambini, adolescenti e giovani, cittadini OGGI
È un pdl che definisce una strategia per attuare i diritti di bambini, adolescenti e giovani pensandoli non solo come “cittadini del futuro”, ma come cittadini delle comunità già da oggi. La comunità non è qualcosa nella quale si accede raggiunto un certo status, ma qualcosa in cui ciascuno porta il suo contributo a partire da un proprio punto di vista, modo di sentire e di partecipare.

2. Una sola legge da 0 a 35 anni
Un progetto di legge unico per due settori (minori e giovani) tradizionalmente separati vuole sottolineare l’esigenza di pensare politiche “longitudinali”, che non sezionino la vita sulla base dei bisogni, o, peggio, delle strutture amministrative, ma considerino il cammino di ogni persona (temporale, culturale, esistenziale) come un continuum , che nessuna norma può e deve spezzare.

3. Nuovi protagonisti per un nuovo welfare
È un pdl che propone un nuovo welfare, con nuovi protagonisti. Occorrono infatti nuovi strumenti di lettura, nuovi sguardi per poter riflettere sui problemi e sulle opportunità di crescita delle comunità. Oggi, davanti all’esigenza di un nuovo patto di cittadinanza, non si possono più sottovalutare le capacità dei giovani, sotto-utilizzare la loro creatività. Questo pdl ricerca una nuova architettura sociale, mediante un forte sostegno degli Enti locali e dei loro servizi, della professionalità degli operatori, uno sguardo attento alle reti degli operatori pubblici, delle famiglie, del terzo settore, perché in questo ambito nessun soggetto può utilmente agire da solo.

4. Parti integranti della comunità
Non si partecipa ad una comunità dalla quale ci si sente esclusi. Questo pdl propone forme di consultazione stabili ed efficaci con i bambini, gli adolescenti, i giovani, e anche tra adulti: si tratta di percorsi di partecipazione intesi come “catalizzatori” necessari alla produzione di fiducia nelle comunità. Non si tratta solo di “prendere parte”, ma di ” sentirsi parte”. E’ chiaro allora come questo pdl voglia rispondere al bisogno di avere una società regionale abitata da cittadini e non da individui. Solo dove ci sono cittadini, c’è democrazia. E solo dove ci sono diritti esigibili ci sono cittadini.

5. La persona al centro delle strategie e dei servizi
È un pdl che non delega compiti e doveri, ma co-progetta su un asse orizzontale, con le risorse delle comunità locali, e su un asse verticale, con i vari livelli istituzionali. Si tratta quindi di stabilire una strategia delle connessioni capace di aumentare l’incidenza e l’efficacia degli interventi e di stabilizzarli. Per questo è un pdl che prima di tutto mette in discussione gli adulti: obbliga – chi si occupa di questi temi – a ripensare le proprie pratiche privilegiando uno stile relazionale che metta al centro il bambino, l’adolescente e il giovane e non il singolo bisogno di competenza. Obbliga – chi non si occupa di questi temi – a condividere spunti, stimoli e problematiche che una politica in questo ambito pone alla comunità intera.

6. Il diritto alle opportunità
È un pdl che propone l’adolescenza e la gioventù non come “dazio da pagare” in attesa di uno status migliore, ma come modo di essere peculiare di chi si sta interrogando sulla propria identità e ha bisogno di opportunità e contesti per mettersi in gioco. Ecco perché i servizi e le opportunità per adolescenti non possono essere pensati come buone azioni, spesso isolate ed estemporanee, ma devono essere previsti e programmati nei piani di zona e diventare un diritto. Questo pdl vuole chiudere un deficit nella rete dei servizi e delle risorse presenti nei territori pensandoli come “laboratori sociali e culturali”, nei quali il tempo libero è risorsa formativa, dove poter mettere alla prova e sviluppare le proprie potenzialità e coltivare interessi.

7. Promuovere il benessere e la creatività
È un pdl che articola azioni concrete e linee guida per promuovere il benessere dei bambini, degli adolescenti e dei giovani; che agisce sulla prevenzione rispondendo in maniera efficace alla legittima richiesta di “esserci” posta dai cittadini più giovani e contribuisce a favorire le occasioni di creatività.

8. Una politica su misura per le giovani generazioni
È un pdl che ritiene che da una nuova politica per bambini, adolescenti e giovani si possa ottenere una nuova comunità più capace di adattarsi e rispondere alla complessità delle società moderne e proporre a sua volta nuove strade per la coesione sociale e per lo sviluppo. E’ quindi una crescita culturale necessaria alla società regionale intera.

9. Benessere diffuso e pari opportunità nella società multietnica
È un pdl che non ha perso di vista il necessario benessere economico della società regionale, possibile solo con persone formate e con un alto livello di istruzione, capaci di accedere alle proposte culturali e di formarsi per tutta la vita. E’ un pdl che attribuisce ai giovani della regione la capacità di saper innovare anche nel lavoro, soprattutto se sostenuti nelle prime fasi di avvio dell’impresa; attento al sapere e all’innovazione che i giovani figli di immigrati possono portare alla crescita economica della regione. La Regione e gli enti locali possono e devono saper valorizzare la loro presenza e la conseguente crescente fisionomia multietnica e multilingue della società favorendo parità di opportunità e occasioni espressive, denunciando ogni forma di discriminazione, creando spazi e percorsi di partecipazione per le seconde generazioni che mirino ad agevolare un senso di appartenenza al territorio e non si sentano estranee alla costruzione stessa dei percorsi.

10. Al fianco delle famiglie
“Ci vuole un villaggio per crescere un bambino” racconta un vecchio adagio africano. Questo pdl sostiene le famiglie attraverso una rete di servizi e opportunità che non facciano sentire soli i genitori nell’affrontare la grande sfida dell’educazione e della crescita della vita, sia nei momenti “ordinari”, che nelle fasi difficili della vita delle persone. I servizi, e tra essi soprattutto i Centri per le famiglie, vogliono accompagnare le giovani coppie tramite un’informazione amichevole, sostegni efficaci alle capacità genitoriali e l’offerta di opportunità di confronto e di condivisione per creare comunità solidali e attente ai diritti delle nuove generazioni.

E’ possibile consultare il testo completo del progetto di legge andando all’indirizzo: www.dirittialfuturo.it.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.