PD: UN PARTITO DI POPOLO – 23

Il Partito Democratico nasce come partito di popolo con un risultato che non era affatto scontato.

In un momento del paese in cui la politica ha tra i più bassi indici di fiducia, 3 milioni e 400 mila cittadini hanno dato uno straordinario un contributo di partecipazione e di democrazia andando a votare per le primarie.

La nascita di questo soggetto politico nuovo, modifica il panorama politico del nostro paese e anche dell’Europa.

Sarà un partito accogliente, in cui ci si sente a casa propria se ci si autodefinisce “di sinistra”, se si appartiene al mondo cattolico o se si è liberali e fautori di un’Italia più meritocratica.

Un partito quindi progressista e riformatore, alternativo alle destre, ma capace di conquistare anche molti elettori non di sinistra, non politicizzati, non inquadrati nelle classificazioni, ormai superate, del secondo dopoguerra; in grado dunque, di inventarsi uno spazio, anche elettorale, nuovo in Italia ed in Europa.

Ora il nostro compito di militanti e dirigenti sarà anzitutto quello di unire con il lavoro quotidiano, con un pluralismo autentico e un reale metodo di partecipazione democratica, le maggiori correnti del centrosinistra italiano per orientarle ad un efficace sintesi di governo e, al contempo, essere discontinui e alternativi rispetto alle cattive abitudini del potere.

Vogliamo fare un partito che anteponga i programmi di governo alle alleanze. Un Partito veramente democratico sia nella sostanza dei contenuti che nella che forma organizzativa. Non il “partito dell’Ulivo”, dunque, di cui si era confusamente parlato per anni, non un “movimento” generico, ma un partito vero che sappia ascoltare i cittadini, discutere e confrontarsi e soprattutto assumersi la responsabilità di decidere.

L’elezione a larghissima maggioranza di Walter Veltroni a segretario del PD e il lavoro prezioso di Roy Bindi ed Enrico Letta costituiscono una spinta positiva per recuperare fiducia in una politica che lavora per la costruzione del bene comune e che è capace di comunicare speranza.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to PD: UN PARTITO DI POPOLO – 23

  • bea

    ciao babbo!!!!

  • Francesco Michelacci

    caro Zoffoli,

    lei parla di discontinuità con le vecchie abitudini e riformismo illuminato.
    Vedremo. Per ora il tutti nel pd hanno glissato elegantemente sul niet alla candidatura di Di Pietro e Pannella, vuole iniziare Lei questo nuovo corso con un bell’esempio di discontinuità rispetto alle vecchie abitudini e spiegare l’esclusione poche semplici parole?