10 MILIONI DI EURO ALL’EMILIA-ROMAGNA DAL MINISTERO DEL LAVORO PER LA CASSA INTEGRAZIONE E LA MOBILITÀ

Damiano Zoffoli annuncia il raggiungimento dell’accordo tra Regione e Ministero che prevede la Cassa integrazione e la mobilità anche a lavoratori esclusi dalla normativa attuale. Nel corso del biennio 2005/06 nella sola provincia di Forlì – Cesena sono stati interessati ai trattamenti di Cassa Integrazione in deroga complessivamente oltre 2.000 unità. La Regione e il Ministero del lavoro hanno sottoscritto un accordo che prevede lo stanziamento di 10 milioni di euro per cassa integrazione e mobilità. Con questo accordo la concessione degli ammortizzatori è estesa a lavoratori di imprese della regione che sarebbero altrimenti esclusi. L´intervento riguarda lavoratori che svolgono mansioni di impiegato, quadro, operaio e intermedio che hanno avuto periodi di sospensione dal lavoro nel 2007 o iscritti alle liste regionali di mobilità. Damiano Zoffoli (Presidente Comm. Politiche Economiche Regione Emilia Romagna) dichiara: “questo intervento risulta indispensabile per i lavoratori di imprese che si trovano nel territorio dell´Emilia-Romagna, assunti con qualifica di impiegato, quadro, operaio e intermedio, che hanno avuto periodi di sospensione dal lavoro nel 2007 o che, sempre nel 2007, risultano iscritti alle liste regionali di mobilità. Nel corso del biennio 2005/06 nella sola provincia di Forlì – Cesena sono stati interessati ai trattamenti di Cassa Integrazione in deroga complessivamente oltre 2.000 unità delle imprese artigiane e industriali sotto i 15 addetti del settore Tessile Abbigliamento e Calzaturiero (TAC). Il trattamento di mobilità in deroga nel settore, invece, ha interessato circa 150 lavoratori del nostro territorio. E’ chiaro che è divenuta improrogabile una riforma complessiva del sistema degli ammortizzatori sociali, che assicuri protezioni e tutele anche ai lavoratori delle piccole imprese e di particolari settori”. Alla luce di questi dati, per il 2007 si può stimare che circa un migliaio di unità della stessa Provincia di Forlì-Cesena nel settore TAC potranno essere ancora interessati dal trattamento degli ammortizzatori in deroga per periodi più o meno lunghi, comunque per un massimo complessivo di 4 mesi. Per accedere agli ammortizzatori, i lavoratori dovranno avere almeno 90 giorni di anzianità presso l´impresa. I trattamenti di cassa integrazione sono ammissibili per un periodo massimo di quattro mesi nell’arco dell’anno, anche non continuativo. La durata massima dei trattamenti di mobilità in deroga è definita nelle intese con le parti sociali, in considerazione della situazione della crisi occupazionale da affrontare. Dopo 12 mesi, anche non continuativi, di utilizzo dei suddetti trattamenti da parte di un lavoratore, gli stessi trattamenti sono ridotti del 10% nel caso di prima proroga, del 30% nel caso di seconda proroga e del 40% in quelle successive. Il datore di lavoro che intenda richiedere l´intervento di Cigs in deroga, nonché le rappresentanze sindacali unitarie o, in mancanza di queste, le organizzazioni sindacali di categoria dei lavoratori più rappresentative operanti nella provincia, sono tenuti a presentare domanda di esame congiunto, alla Provincia o alla Regione se la richiesta di intervento riguarda unità produttive collocate in diverse province. La Regione Emilia Romagna procederà, nel limite complessivo delle risorse finanziarie a disposizione, previa verifica dei criteri, alla concessione dei trattamenti entro 60 giorni dalla richiesta. I trattamenti autorizzati saranno liquidati dall’Inps territorialmente competente dietro presentazione della richiesta da parte dell’impresa su modulistica indicata dalla stessa Inps.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.