300.000 EURO DALLA REGIONE PER IL BATTELLO DAPHNE E IL CENTRO DI RICERCHE MARINE DI CESENATICO

Il Presidente della Commissione Politiche economiche Damiano Zoffoli rende noto che la regione Emilia Romagna, come concordato dal Comitato Istituzionale del G.I.Z.C., ha stanziato 150 mila euro per finanziare la sostituzione del parco-motori del Battello Oceanografico Daphne II a cura di A.R.P.A e ne ha assegnati altrettanti 150.000 come ulteriore contributo al progetto di manutenzione straordinaria e di potenziamento delle attrezzature del centro di ricerche marine finalizzate alle attività di monitoraggio delle acque marine prospicienti le coste regionali svolte dal Centro Ricerche Marine di Cesenatico S.p.A. In totale verrà quindi erogata al Centro, a cui fanno capo attualmente tre unità operative: il Centro Ricerche Marine (CRM), il Battello Oceanografico “Daphne II”, il CRISM (Università degli Studi di Bologna), una somma pari a 300.000 mila euro che andrà a potenziare e migliorare un’unità complessa, capace di offrire servizi qualificati e ricerca scientifica avanzata, anche grazie al coordinamento di un Comitato Scientifico, costituito da esperti e scienziati di livello nazionale ed internazionale. Le attività del Centro Ricerche Marine sono infatti finalizzate alla tutela delle risorse ambientali con particolare riferimento a quelle marine, tramite la ricerca applicata in campo igienico-sanitario ed il monitoraggio dei fenomeni di eutrofizzazione e di inquinamento delle acque. Il Centro Ricerche marine effettua quindi le indagini direttamente in mare tramite il Battello Oceanografico “Daphne II”, che è strumento indispensabile per l’attuazione di gran parte dei programmi di studio e di controllo delle acque nella fascia costiera regionale, ed in lagune, invasi e bacini interni. La struttura dispone inoltre di un complesso di laboratori specialistici: Chimico, Microscopia per lo studio del plancton, Biotossicologico, Microbiologico, Biochimico e di un Centro di calcolo ed elaborazione dati. “Si tratta –conclude il consigliere Damiano Zoffoli- di un finanziamento importante per promuovere ulteriormente le competenze e i servizi che il Centro Ricerche Marine può svolgere per la salvaguardia e la tutela dell’ambiente che non si limita tuttavia alla fondamentale attività di monitoraggio sullo stato delle acque del Mar Adriatico, ma comprende anche una assai preziosa attività di ricerca e analisi, controllo e prevenzione dell’inquinamento delle acque in ottemperanza alla vigente normativa nazionale e comunitaria nonchè di innovativi servizi alle imprese per la promozione della qualità dei prodotti ittici”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.