INTERROGAZIONE SUL COLLEGAMENTO DELLA NUOVA AREA PRODUTTIVA DI GAMBETTOLA DA PARTE DI TELECOM

«La Telecom garantisca al più presto il collegamento telefonico alle aziende della nuova area produttiva di Gambettola» Interrogazione dei consiglieri regionali dell’Ulivo Paolo Lucchi e Damiano Zoffoli.

E’ la nuova area produttiva del Comune di Gambettola (Fc), è costata 8 milioni di euro tra acquisto dei terreni e oneri di urbanizzazione, tutti a carico delle imprese, ma per ora non è coperta da nessuna rete telefonica e Telecom non ha fornito garanzie sui tempi di attivazione del collegamento. La situazione, che sta già causando danni economici rilevanti alle imprese interessate, ha indotto i consiglieri regionali dell’Ulivo, Paolo Lucchi e Damiano Zoffoli, a preparare un’interrogazione in cui chiedono alla Giunta di interpellare la Telecom dell’Emilia-Romagna «per verificare la corrispondenza al vero di quanto affermato dai titolari dell’area produttiva di Gambettola e, nel caso di provata veridicità dei fatti, ne solleciti l’intervento immediato presso la Direzione nazionale Telecom per favorire la risoluzione del problema», ovvero la realizzazione del rapido collegamento telefonico per le aziende che operano nella zona. «I lavori della nuova area produttiva, molto attesa dai cittadini e dagli imprenditori del territorio, sono appena terminati – sottolineano Lucchi e Zoffoli – L’area è formata da 38 aziende artigiane e commerciali, per un totale di circa 300 addetti ed un volume d’affari quantificabile in 100 milioni di euro. L’investimento compiuto, dunque, è notevole, dal momento che agli 8 milioni per i terreni e gli oneri di urbanizzazione dobbiamo aggiungere i molti milioni necessari alla realizzazione dei rispettivi stabilimenti aziendali». Nonostante, tuttavia, l’area in oggetto sia già terminata, collaudata e pronta all’operatività, Telecom non ha ancora effettuato i lavori necessari per assicurare il collegamento telefonico alle imprese che vi si sono già trasferite e a quelle in procinto di traslocarvi. Non solo: stando a quanto affermato dai titolari delle aziende interessate, pare che l’impresa telefonica stia ancora valutando, in base alla propria programmazione, quali siano i tempi di realizzazione dell’opera. «E’ evidente – concludono Lucchi e Zoffoli – che il protrarsi di questa situazione metterebbe le imprese di Gambettola nelle condizioni di restare sostanzialmente isolate dal mondo. Ecco perché occorre che siano garantiti al più presto collegamenti telefonici rapidi ed efficienti».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.