NON SI ERA DETTO PARTITO NUOVO?

di Peppino Caldarola

tratto da Europa – mercoledì 19 dicembre 2007

Capisco che non vi importi, ma quando sento l’Internazionale ancora mi commuovo. So che l’età impigrisce, ma i megadirigenti che ogni tre anni sciolgono un partito annunciando sfracelli col nuovo, non li amo. Soprattutto non amo le ipocrisie. Cerco di ragionare in modo semplice. Abbiamo fatto il Pd perché tutto doveva essere messo alle spalle. Perché ora tutto viene rimesso dov’era prima? Nel Pd il problema dei problemi sembra essere il partito, cioè, come dicono gli esperti, la forma partito. Ho sentito parole chiave. Il partito è una comunità, il partito è radicato, il partito deve avere dirigenti eletti e non nominati. Il partito, per noi DS, deve essere di sinistra. Il partito, per noi popolari, deve essere molto cattolico. Il partito comunità se lo conosci, lo eviti. Era una grande idea degli albori del movimento operaio e anche del movimento cattolico. Era il luogo della forza e della solidarietà delle classi oppresse. Poi il comunismo leninista lo militarizzò. In Italia ebbe una versione dolce, il partito togliattiano di massa, ma era comunitario perché difendeva un mondo assediato da un altro mondo, che a sua volta assediava. Lo stesso accadeva per il partito dei cattolici. Oggi il partito comunità non serve. Serve un luogo dello stare assieme per discutere decidere. Havel, in un bellissimo saggio scritto quand’era dissidente, immaginava partiti così, senza scopo di conquista del potere. Era un sogno, sbagliato. Ma il partito è uno strumento politico, non è la nostra famiglia. Non la sostituisce, non la supplisce, non è, nella società di oggi, l’unico possibile luogo di raduno e di intrattenimento. Sicuramente non lo è per i giovani. Il partito era “radicato”nella società divisa in classi. Dovunque ci fosse una stazione dei carabinieri, doveva esserci la sezione di un partito di sinistra. E c’era anche la DC. La formula era di aderire a ogni piega della società. La società attuale ha solo pieghe. Il radicamento non è la sezione. Se c’è è meglio, il radicamento è la corrispondenza fra il movimento politico e i rumori di fondo della società. Se sei un partito di sinistra e innovatore il tuo radicamento è dato da quello che susciti, visto che sei la leva che vuole sollevare il mondo. Sennò il radicamento è peso, zavorra, serve solo a dire a questo o a quello quante divisioni ha. Il partito degli eletti si ha con le primarie. L’unico sistema democratico è quello che sottopone a verifica costante i dirigenti, per ottenere che cambino e che non ci sia troppa cooptazione. Chi fa politica, se vuole una vita più tranquilla faccia altro. Se fa politica deve soffrire e sottoporsi al voto con platea incerta. Il problema non è come sei scelto, ma come vieni confermato. Più o meno come accadeva prima. Il tema dei cattolici mi allarma perché la discussione sulla laicità rischia di farci tornare assai indietro. Alcuni ne fanno una bandiera in assenza di altre (penso ai neosocialisti), altri ne parlano come se si trattasse di una questioncella fastidiosa. Vorrei ricordare che la questione cattolica “è” il tema italiano. Sennò saremmo francesi. Vorrei ricordare, a quelli che come me vengono da sinistra, che due strade sono sbarrate: quella togliattiana per cui si parla solo con una sofferta coscienza cattolica, perché la coscienza cattolica va bene anche se non soffre. L’altra che immagina una Chiesa di sinistra. Se fossi credente e cattolico vorrei ricordare ai laici che il cittadino cattolico ha tre “obbedienze”: il proprio foro interiore, la comunità dei cattolici, cioè il mondo cattolico, la Chiesa. Un laico italiano serio deve misurarsi con questa complessità, non potrà dire al cattolico di tenersi solo il proprio foro interiore e di buttar via i correligionari e l’istituzione. Infine, i partiti non sono roba astratta, dipendono dalla società e la cambiano. Ci siamo incamminati lungo la strada del partito di valori, del partito dei cittadini. Mi volete spiegare perché qualcuno lo vuole un po’ comunista, un po’ socialista, un po’ DC? Una cosa normale, no?

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.