Dichiarazione su IPAB – Casa di Riposo Zangheri

La Zangheri rappresenta da oltre un secolo un patrimonio di tutti i cittadini forlivesi, un segno di speranza e unità. Un esempio concreto di solidarietà capace di interpretare le trasformazione della società e di soddisfare i nuovi bisogni con risposte concrete ed efficaci: ieri i diseredati, oggi i nostri cari anziani spesso non autosufficienti che rappresentato oltre l’8% della popolazione. Questo spiega l’attaccamento da parte dei cittadini alla storica istituzione che personalmente a più riprese ho potuto verificare e toccare con mano. Quindi, altrettanto comprensibile risulta la preoccupazione di tanti rispetto alla legge di riordino delle IPAB n. 2 del 12.03.2003 che prevede la loro trasformazione in aziende di servizi alla persona o fondazioni.

Fin dall’inizio ho condiviso queste preoccupazioni, al pari del consiglio comunale di Forlì che a maggioranza ha espresso un parere favorevole a mantenere l’autonomia gestionale della stessa Zangheri con una semplice considerazione di buon senso: le cose che funzionano vanno tutelate e potenziate.

Infatti, nella società di oggi complessa e frammentata c’è bisogno non di forbici che tagliano e dividono ma di ago e filo per cucire pazientemente; chi vuole iscrivere la Zangheri ad un partito o ad una fazione politica non ha capito tutto ciò.

Quindi, la mia proposta è quella di costituire da subito, indipendentemente dai contenziosi giuridici in corso, un Tavolo di confronto fra Regione, Comune e Comitato di gestione della Zangheri per ricercare insieme una soluzione possibile e percorribile capace di rispondere alle attese e ai bisogni dei cittadini di Forlì, gli unici e veri “padroni” della Zangheri, che tutti noi dobbiamo con impegno e umiltà “servire” nella ricerca quotidiana del bene comune.

La scelta della Regione che ha rinunciato ad impugnare la sospensiva del TAR avversa alla pubblicizzazione della Zangheri è un segnale importante che va da tutti colto.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.