CON IL 2008 IN ARRIVO 275 MILIONI DI EURO PER LE IMPRESE DELLA REGIONE

Internazionalizzazione, sostegno agli investimenti e ai distretti tecnologici le priorità della Finanziaria regionale. Le risorse disponibili in tre anni grazie a fondi europei, nazionali e regionali.

L’Emilia-Romagna cresce più del resto d’Italia ed è al primo posto per le esportazioni pro-capite. Ma non ci si può sedere sugli allori. Per questo il bilancio della Regione, approvato nei giorni scorsi, ha previsto una corposa serie di interventi in favore delle attività produttive: industria, artigianato, commercio e agricoltura.

Per il 2008 ed il triennio 2008-2010 sono stati messi a bilancio 275.264.648 euro: 22,8 milioni di risorse regionali, 60,1 milioni di fondi statali, 192,3 milioni di risorse Comunitarie e Statali del POR del Fondo Europeo di sviluppo regionale. Oltre 90 milioni di euro sono stati allocati per l’anno 2008.

Il Presidente della commissione Politiche Economiche dell’Assemblea regionale, il cesenaticense Damiano Zoffoli, riassume le scelte della Finanziaria locale con la frase “più governo, meno amministrazione”.

“Non basta amministrare l’esistente ma occorre governare il cambiamento. La nostra idea di sviluppo non è frutto del caso, ma di un’idea che unisce le risorse esistenti alle potenzialità del territorio, le nostre eccellenze e gli stimoli della società civile, dando la priorità al confronto e alla coesione sociale”.

La politica della Regione è quella di creare e favorire le condizioni di competitività con effetti di lungo termine, strutturali. Nel bilancio regionale si è puntato così sull’internazionalizzazione del sistema produttivo, sulla ricerca e l’innovazione tecnologica.

“Il Programma triennale attività produttive – spiega Zoffoli – sosterrà gli investimenti di industrie e imprese artigiane con 29 milioni di euro. Otto milioni andranno all’internazionalizzazione, mentre ai distretti produttivi saranno destinati 15 milioni di euro, 10 dei quali per quelli ad alta meccanizzazione”.

Con il 2008 diventerà poi operativa la nuova programmazione del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) 2007-2013. Si attiveranno i vari assi d’intervento del Piano operativo regionale (POR): per la creazione dei Tecnopoli e lo start up delle nuove imprese, per sostenere l’utilizzo di tecnologie avanzate nelle aziende, per la promozione di una nuova logistica a risparmio energetico. Significativo il finanziamento delle aree tecnologicamente attrezzate, alle quali andranno 13 milioni di euro in più rispetto ai fondi già stanziati.

Al nuovo POR si accompagna il Piano Energetico Regionale. Approvato nel novembre scorso, alle risorse già previste vengono aggiunti 5 milioni di euro di fondi statali per le imprese che si dotino di impianti ad energia rinnovabile o a basso consumo.

In attesa che venga approvato il nuovo Fondo europeo per la pesca (dovrebbe stanziare 21 milioni di euro per l’Emilia-Romagna in sette anni) la Regione ha accantonato 2 milioni di euro come cofinanziamento, oltre ad un milione di euro di contributo alle Province.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.