LA POLITICA COME SPERANZA PER LE COSE POSSIBILI – 27

Insieme agli AUGURI per un sereno 2008 vi sottopongo questa mia riflessione su “LA POLITICA COME SPERANZA PER LE COSE POSSIBILI”.

Questa espressione di Benigno Zaccagnini: “La politica come speranza per le cose possibili” mi invita a riflettere, anche alla luce della recente Lettera Enciclica di Papa Benedetto XVI: “SPE SALVI”, che ho letto durante le festività natalizie, sulle motivazioni profonde di un rinnovato impegno dei cattolici in politica.

La nostra azione deve, a mio avviso, sempre più orientarsi a ricercare, cogliere, valorizzare, custodire, costruire e alimentare dentro la città dell’uomo i segni e i luoghi della speranza.

Nella nostra società, infatti, che corre veloce, che non ha più tempo e fa fatica a vivere insieme, si sta alimentando un sentimento diffuso di insicurezza. Questo sentimento di mancanza di futuro, o l’idea che il futuro delle nuove generazioni porti condizioni di vita e di lavoro peggiori di quelle attuali, si traduce sempre più spesso nelle più disparate forme di consumo e nella rassegnazione al "carpe diem", come ha sottolineato Savino Pezzotta nel suo dialogo con la città.

Da qui l’urgenza per i cattolici, prima di ogni scelta di schieramento, di elaborare una nuova proposta culturale, sociale e politica di stampo personalista, capace di una visione della società, dell’economia, della politica, della scienza e della tecnica fondata sulla persona. Senza nostalgia, ma facendo memoria di quanto di grande ci sta alle spalle, dobbiamo perciò imparare a fare i conti con la realtà senza pregiudizi o preconcetti e abbandonare la logica dominante dell’amico/nemico, quasi che la politica dovesse essere soprattutto scontro e affermazione della propria parte e non, come invece dovrebbe essere, ricerca del bene comune.

L’invito infatti che anche l’enciclica “SPE SALVI” rinnova ai fedeli laici è di tornare all’impegno politico, nei luoghi e secondo le forme che ritengono più connaturali al loro personale sentire. Nella nostra piena e laicale responsabilità siamo esortati quindi ad assumere un ruolo efficace e visibile, non solo testimoniale, nell’elaborazione politica e nella concretezza delle scelte programmatiche.

Benigno Zaccagnini ci ha testimoniato con la sua vita che la mitezza è la faccia pratica della speranza; è questo lo stile che deve animare il nostro essere dentro il sociale e il politico sul terreno della operosità permanente, senza arrendevolezza e ricominciando sempre da capo dopo ogni sconfitta.

In conclusione vorrei citare una frase di Sant’Agostino che deve essere icona del nostro impegno: “La speranza ha due bellissimi figli, lo sdegno e il coraggio, lo sdegno per le cose che non vanno e il coraggio come condizione dell’anima per cambiarle”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to LA POLITICA COME SPERANZA PER LE COSE POSSIBILI – 27

  • Angelo Soragni

    Un rinnovato impegno, perchè la politica ha bisogno della forza della fede, della morale e dei valori.
    Conservarli è un arduo compito che spetta ai politici cattolici ed ai credenti tutti. La massa in buona parte ne è consapevole, ne sono esempio i Family day spagnolo ed italiano.
    Tutti parlano e straparlano ma il sommo Pontefice in nome di chissà quale laicismo non può parlare, perchè?
    Semplice, la sua parola è pericolosa perchè nasce dal Cuore dall’Anima, ma soprattutto da nostro Signore.

  • Francesco Michelacci

    Il papa parla come e quando vuole, caro Angelo, non e’ andato alla sapienza di propria spontanea volontà perchè 73 professori, su 4500 e 300 studenti su 130.000 hanno detto che secondo loro non era opportuno che la lectio magistralis ( si scrive così? ) secondo loro doveva spettare ad un professore della sapienza tutto qui.

    Per farle un esempio, sarebbe come se la benedizione pasquale in san Pietro venisse impartita da un autorevole scienziato e studioso del tutto estraneo alla religione cattolica.

    Le persone che hanno espresso il disaccordo sono una minoranza infinitesimale di studenti e professori che hanno espresso una opinione, per condivisibile o meno che fosse, Lei ritiene che non ne avessero il diritto?