Solidariet

Bologna, 16 gennaio 2008

A Sua Eminenza Rev.ma
Carlo mons. Caffarra
Arcivescovo di Bologna
Presidente della Conferenza Episcopale
dell’Emilia-Romagna

Eminenza Reverendissima,

      Le scriviamo in quanto autorevole esponente e riferimento della Chiesa cattolica
della nostra regione nonché membro del Collegio Cardinalizio, per esprimere a Lei e, per il Suo tramite, a Sua Santità Benedetto XVI il nostro più vivo rammarico ed il nostro forte rincrescimento per quanto accaduto in questi giorni nei confronti del Sommo Pontefice, che non fa onore alle tradizioni di civiltà e di tolleranza dell’Italia.
      Il rifiuto del dialogo e del confronto, infatti, è inaccettabile per un Paese democratico e per tutti coloro che credono nella libertà delle idee e della loro espressione.
      Al di là di qualsiasi altra considerazione, tutto ciò ha ferito i sentimenti e le convinzioni
nostre e di milioni di persone. Ci auguriamo che questa ferita possa presto rimarginarsi e che le nostre università tornino ad essere luoghi accoglienti votati alla ricerca, al dibattito e al dialogo autentico, costruttivo, e senza pregiudizi.
      Voglia con l’occasione gradire i nostri migliori saluti.

I sottoscritti consiglieri regionali

Damiano Zoffoli, Gianni Varani, Carlo Monaco, Marco Lombardi, Giorgio Dragotto, Luigi Giuseppe Villani, Antonio Nervegna, Luca Bartolini, Matteo Richetti, Paolo Lucchi, Massimo Pironi, Daniele Manca, Marco Barbieri, Gian Carlo Muzzarelli, Fabio Filippi, Silvia Noè, Valdimiro Fiammenghi, Maurizio Parma, Enrico Aimi, Tiziano Tagliani, Roberto Corradi, Marco Monari, Luigi Francesconi, Andrea Leoni, Paolo Nanni, Flavio Delbono, Roberto Piva, Roberto Montanari.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Solidariet

  • Francesco Michelacci

    Un testo molto scontato e poco veritiero, nessuno ha impedito al papa di parlare ed esprimere il suo pensiero, ha autonomamente scelto di non farlo in quanto non era garantita la totale assenza di contestazioni di sorta. E’ questo che voi consiglieri firmatari vi augurate? Il generale allineamento dei consensi? Il divieto per chicchessia di avere un’opinone contraria e di poterla esprimere? Qualcuno mi risponda per favore, è troppo facile spiattellare al vento indignazione, rammarico e mistificazioni di sorta e poi sorvolare a piè pari sul commento di chi non la pensa come voi.

  • @Francesco Michelacci

    Scopo della lettera non era quello di un “generale allineamento dei consensi” come scrive. Per quello che mi riguarda, la mancata visita di Benedetto XVI alla Sapienza rappresenta prima di tutto un’occasione perduta.

    E’ vero che nessuno ha impedito fisicamente al papa di parlare. Non si può negare, però, che il clima fosse quanto meno di chiusura e rifiuto. Le contestazioni al pontefice stavano crescendo in un atteggiamento di muro contro muro più che di confronto.

    E quando parlo di occasione perduta non mi riferisco al papa o alla Chiesa, ma a tutta la Cultura. Ratzinger è stato a lungo docente universitario e teologo. Il fatto che venga invitato in ambito accademico dovrebbe essere cosa del tutto naturale. Anche, e soprattutto, ora che è pontefice.

    (continua)

  • Penso che le reazioni all’annuncio della visita siano state dettate in molti casi da paura e superficialità. I contestatori hanno fatto appello a vecchi luoghi comuni in modo quasi irrazionale.

    In un mondo che ormai vede, purtroppo, le diverse posizioni fronteggiarsi a colpi di spot e di urla, l’intervento del papa poteva innescare un dibattito alto, capace di generare cultura. Non ci dovrebbe essere luogo migliore delle aule universitarie per un confronto franco tra visioni del mondo.

    Lo stesso Dario Fo, che non può essere certamente tacciato di filo-clericalismo, ha giudicato il discorso del papa su scienza e fede come molto lontano da quell’oltranzismo e oscurantismo contestato dagli oppositori. Convenendo sul fatto che quel discorso andrebbe letto e riletto.

    (continua)

  • Penso che tutti gli italiani abbiano perso qualcosa dalla mancata visita di papa Benedetto alla Sapienza. Ora bisogna trovare forme nuove per far ripartire il dialogo tra cattolici e mondo laico.

    Un muro contro muro alimentato da preconcetti e luoghi comuni, da entrambe le parti, non giova a nessuno.