Vendita all’ingrosso e al dettaglio, la Regione fa chiarezza in materia

Per nove anni non sono state rilasciate nuove autorizzazioni di vendita all’ingrosso e al dettaglio per molti settori commerciali (macchinari, articoli tecnici e per la casa). Dal 2007 la Regione ha sbloccato le concessioni ma gli enti locali sono stati frenati dai dubbi. Ora una nuova norma fa chiarezza, così le imprese potranno competere alla pari con quelle delle regioni vicine.

Ci sono alcune categorie di beni per le quali è difficile separare in modo netto gli spazi destinati alla vendita al dettaglio da quelli all’ingrosso. E’ il caso delle macchine e attrezzature agricole, del materiale elettrico, dei colori e vernici, così come degli articoli da ferramenta, idraulici e per l’edilizia. Senza tralasciare i ricambi e gli accessori per auto, moto e cicli.

Molti di questi esercizi potevano vendere sia all’ingrosso che al dettaglio grazie ad autorizzazioni rilasciate prima del 1998. In quell’anno, infatti, un decreto legislativo abrogò la vecchia disciplina sul commercio del ’71.

Da allora ci sono stati sette anni in cui il rilascio di nuove autorizzazioni non è stato possibile, dato che la materia era passata dallo Stato alle Regioni e mancavano norme specifiche. In questo tempo si è creata una disparità tra i venditori già dotati di licenza e quelli sprovvisti, così come con quelli delle regioni vicine, dove ottenere un’autorizzazione era possibile.

L’anno scorso la legge regionale numero 6 ha rimosso il divieto di commercio all’ingrosso e al dettaglio nello stesso esercizio. Ma la situazione non è cambiata. I Comuni, infatti, non sapevano come calcolare in modo certo la destinazione promiscua degli spazi di vendita.

Così l’Assemblea regionale ha approvato qualche giorno fa, su proposta della Giunta, una modifica ad una vecchia delibera del Consiglio regionale (la 1253/99) che permetterà di superare l’empasse.

Il commerciante firmerà un impegno a non vendere merci diverse da quelle previste dalle norme sulle attività di commercio all’ingrosso e al dettaglio, dopodiché destinerà alla vendita al dettaglio almeno il 50 per cento della superficie lorda. Quest’ultima non dovrà superare i 3mila metri quadrati nei comuni fino a 10mila abitanti, e i 5mila negli altri.

“Possono sembrare dettagli – ha dichiarato Damiano Zoffoli, presidente della Commissione Politiche Economiche dell’Assemblea Legislativa – ma avranno importanti ripercussioni sull’economia. Risolvendo le difficoltà incontrate dai comuni in materia fino ad oggi, sarà possibile autorizzare in modo certo la vendita promiscua. E i commercianti potranno competere alla pari con quelli delle regioni vicine”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.