Meno consumi e più efficienza energetica per tutti i nuovi edifici dell’Emilia-Romagna

Approvato dall’Assemblea Regionale il regolamento attuativo del Piano energetico regionale che, a tre mesi dall’approvazione, fa un altro passo avanti.

Definiti gli standard minimi per le nuove costruzioni, i criteri di certificazione, il sostegno alle esperienze innovative.

Prossimo passo l’attivazione dei bandi: 30 milioni di euro a disposizione nel 2008.

L’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato oggi l’Atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici.

Il regolamento condivide gli obiettivi fondamentali del Piano: aumentare i risparmi di energia nel settore civile (che assorbe circa un terzo dei consumi energetici regionali), controllare la domanda, incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili.

“Questo regolamento – ha commentato Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Politiche Economiche – vuole aumentare la sostenibilità ambientale, facendo risparmiare al tempo stesso le famiglie e le imprese sulla bolletta. Per questo tutti i nuovi edifici costruiti in Emilia-Romagna dovranno rispettare degli standard minimi di rendimento e prestazioni energetiche. Anche gli edifici da ristrutturare, se più grandi di 1000 metri quadrati, dovranno rispettare le nuove norme”.

Dal prossimo luglio, inoltre, per le nuove costruzioni ed i nuovi impianti scatterà l’obbligo di certificazione. Ci saranno cosi case di classe A, B e C come già avviene per gli elettrodomestici. Per gli edifici già esistenti ci saranno incentivi per la classificazione.

La Regione non utilizzerà marchi esistenti, lasciando liberi i progettisti. I soggetti certificatori però dovranno accreditarsi secondo i criteri previsti dal regolamento. Sono state definite inoltre le norme per l’ispezione di edifici ed impianti, un sistema regionale di monitoraggio dell’efficienza energetica, la promozione di servizi energetici e misure a sostegno dell’utenza. La Regione, in particolare, prende ad esempio le esperienze di Reggio Emilia e Modena, che già da tempo si sono mosse sul fronte della certificazione e dei controlli energetici.

Ora, con il regolamento approvato, il Piano energetico regionale è pronto per diventare operativo. Per il triennio 2008-2010 la Regione ha stanziato 30 milioni di euro, ai quali si aggiungono 70 milioni di euro di fondi europei per il periodo 2007-2013. Quest’anno dunque si potranno spendere 30 milioni di euro (10 milioni regionali, 20 comunitari).

Parte dei fondi saranno trasferiti direttamente a Province e Comuni: alle prime per l’adozione di energie rinnovabili, ai secondi per iniziative di risparmio energetico. I privati invece potranno accedere ai fondi tramite bandi di prossima pubblicazione.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.