Tutela della maternit

A Forlì è operativo da un anno un protocollo d’intesa tra Comune, Ausl e associazioni di volontariato che ha ridotto il ricorso all’aborto del 9%. Un esempio di come applicare meglio la legge 194, sostenendo la donna che si rivolge alle strutture pubbliche. Dal consigliere Zoffoli la richiesta di estenderlo a tutta l’Emilia-Romagna.

Applicare al meglio la legge 194, sulla tutela sociale della maternità e l’interruzione della gravidanza, è possibile. Troppo spesso, nei trent’anni seguiti all’approvazione, alcune parti della 194 sono rimaste lettera morta: dal sostegno alle maternità difficili ad una rete di servizi su misura, e di politiche specifiche per l’occupazione femminile.

Dal forlivese infatti arrivano segnali positivi. Dal febbraio 2007 è operativo un protocollo, sottoscritto da Comune, Azienda Usl e 23 associazioni di volontariato, che mette nero su bianco un percorso per la donne che si presentano ad una struttura pubblica per l’interruzione della gravidanza.

Uno degli scopi del documento è proprio quello di fare in modo che i consultori pubblici non siano luoghi dal “certificato facile” per le donne che chiedono l’Ivg.

Partendo dal rispetto della volontà della donna e del suo diritto ad una procreazione cosciente e responsabile, all’interno del consultorio forlivese è stato tra l’altro installato un ecografo, si sono aperte le porte alle associazioni di volontariato e per ognuna si è preparato un percorso di incontri con assistenti sociali e sanitari.

I risultati dell’esperienza forlivese non si sono fatti attendere: in nove mesi (l’ultimo rilevamento risale al novembre scorso) su 180 donne presentatesi al consultorio per l’Ivg ben 16 hanno accettato di portare a termine la gravidanza.

Decisivo è stato il contributo del terzo settore. Il protocollo infatti è stato firmato dalla Consulta comunale permanente delle associazioni familiari, dal Centro di aiuto alla vita, dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e dall’Afi, l’Associazione delle famiglie italiane.

Ho presentato un’interrogazione alla Giunta – ha dichiarato Damiano Zoffoli, consigliere regionale PD – per chiedere la promozione e diffusione sull’intero territorio regionale del protocollo di Forlì, soprattutto alla luce dei risultati ottenuti. Si tratta di favorire politiche di sostegno alla maternità nel senso più ampio possibile, un’adeguata consulenza mettendo a disposizione risorse economiche e di accoglienza e soprattutto una rete di servizi su misura dei bisogni di ogni donna”.

E’ necessario impegnarsi nel rimuovere le cause che possono indurre la donna all’interruzione volontaria di gravidanza. Infatti mentre il ricorso all’aborto è in calo (in 25 anni è diminuito del 45 per cento), tra le straniere si registrano tassi di interruzione della gravidanza superiori di 3-4 volte a quelli delle donne italiane, specie tra le giovanissime.

Clicca qui sotto per scaricare il testo dell’interrogazione.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.