Lavoro e precariato: in arrivo 15 milioni di euro

Dalla Regione incentivi per la stabilizzazione di precari, disoccupati di lunga durata, genitori soli con figli a carico, persone svantaggiate.

Una prima risposta anche alle difficoltà rilevate nella provincia di Forlì-Cesena per l’occupazione femminile che, secondo l’ultimo Rapporto sull’Economia della CCIAA, vede un tasso di disoccupazione delle donne pari al 6,2% (3,8% il dato regionale) contro l’1,1% degli uomini (2% il dato dell’Emilia-Romagna).

A disposizione ci sono in tutto 15 milioni di euro: 10 milioni sono per i contributi alle assunzioni a tempo indeterminato dei disoccupati di lunga durata e dei lavoratori precari, dei genitori soli con figli e delle persone in carico ai servizi socio-sanitari e 5 milioni per le iniziative di formazione e di sostegno al reddito.

“Il mercato del lavoro della nostra Regione è un mercato che funziona – sottolinea il Presidente della Commissione “Politiche Economiche” Damiano Zoffoli – ma a fronte della pressoché piena occupazione, si affiancano segnali di debolezza per specifiche categorie di lavoratori e per le donne, come abbiamo visto anche dall’ultimo rapporto della CCIAA di Forlì-Cesena. La nostra provincia presenta inoltre un calo delle assunzioni di personale stagionale e la diminuzione, in atto da anni, dei contratti a tempo indeterminato, con percentuali che passano dal 66,2% del 2001 al 28,8% attuale, in contrapposizione al forte aumento di quelli a tempo determinato che passano dal 14,7% del 2001 al 63,1% del 2007”.

La Regione a tal fine mette a disposizione 10 milioni di euro di contributi alle imprese proprio per incentivare l’assunzione a tempo indeterminato dei disoccupati di lunga durata, cioè senza occupazione da almeno 12 mesi, e dei precari che abbiano percepito meno di 35 mila euro lordi negli ultimi due anni pur avendo lavorato per almeno 18 mesi e con contratti diversi dal rapporto di lavoro a tempo indeterminato. L’incentivo per le aziende che assumono a tempo indeterminato da queste due categorie, è pari al 10% della retribuzione lorda annua del lavoratore; una percentuale che sale al 20% se si assume una donna o un ultracinquantenne. L’ammontare del contributo, comunque, non può superare i 5 mila euro. Con le risorse a disposizione si stima che il provvedimento raggiungerà nella Regione Emilia-Romagna un minimo di 1.600 lavoratori e un massimo di 4 mila. Per quanto attiene ai 5 milioni stanziati per iniziative di formazione, il lavoratore potrà usufruire di assegni formativi individuali fino a un massimo di 5 mila euro,oltread un sostegno al reddito di 450 euro al mese per un massimo di 5 mesi per consentirgli di frequentare la formazione, un’indennità rapportata a quella della disoccupazione ordinaria. Le domande dovranno essere presentate alla Provincia sul cui territorio è instaurato il rapporto di lavoro, precedentemente o successivamente all’instaurazione del rapporto lavorativo a tempo indeterminato, comunque, entro e non oltre il 31 ottobre 2008. L’istruttoria sull’ammissibilità degli interventi sarà realizzata dalle Province, che successivamente invieranno i risultati alla Regione. La Regione procederà all’approvazione degli interventi in un´unica graduatoria regionale e trasferirà alle Province le risorse per l’erogazione dei finanziamenti concessi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.