Presentata una RISOLUZIONE per chiedere incentivi economici per sfruttare le biomasse

Incentivi economici e nuove leggi regionali per sfruttare le biomasse, per ridurre così le emissioni di anidride carbonica in atmosfera.

Li chiedono in una risoluzione il consigliere regionale Damiano Zoffoli (Pd) assieme ai colleghi Gian Carlo Muzzarelli (Pd) e Gioenzo Renzi (An-Pdl).

“Per raggiungere gli obiettivi del protocollo di Kyoto – ha commentato Zoffoli, Presidente della Commissione Politiche economiche dell’Assemblea Legislativa regionale – l’Italia deve sfruttare ai fini energetici anche le biomasse forestali, in modo razionale e sostenibile. Per farlo bisogna, prima di tutto, informare gli agricoltori e gli operatori forestali delle opportunità offerte dal PIANO REGIONALE di SVILUPPO RURALE che, fino al 2013, prevede incentivi specifici per questo settore”.

Nel Prsr, infatti, ci sono già una serie d’interventi a sostegno della messa in opera d’impianti per la produzione, utilizzazione e vendita di energia o calore. Come, ad esempio, centrali termiche con caldaie a cippato o a pellets fino a 1 megawatt; microimpianti per la produzione di biogas, anche in cogenerazione, fino a 50 kw; produzione di pellets e oli combustibili da materiale vegetale (fino a 200mila euro d’investimento); produzione di energia eolica, solare o idrica fino a 30 KW di potenza massima.

La Regione mette in campo aiuti fino al 50 per cento della spesa ammessa nel progetto e si aspetta che gli incentivi mettano in moto investimenti per almeno 10 milioni di euro. Per accedere ai benefici bisogna essere imprenditori agricoli e abitare in aree rurali con problemi di sviluppo o aree definite “intermedie” dalla legge. Una volta esaurite queste domande potranno accedere anche le aree ad agricoltura specializzata.

Ma i consiglieri con questa risoluzione vogliono andare oltre agli incentivi del Prsr, spingendo la Regione a sostenere in modo adeguato filiera del legno, sensibilizzando su questi temi anche lo Stato e l’Unione europea: “Bisogna aggiornare la disciplina che regola il settore – continua Zoffoli – favorendo ulteriormente la produzione e la trasformazione delle biomasse forestali, da usare per produrre energia e calore. In questo modo non avremmo solo benefici energetici, ma anche uno sviluppo dell’economia nelle aree montane della regione”.

Il Piano Energetico Regionale approvato pochi mesi fa prevede di ricavare dalle biomasse forestali 300 megawatt di potenza entro il 2015. Una quota d’energia importante che non deve restare una pia intenzione. Per questo la risoluzione vuole impegnare la Regione a inserire nei piani operativi del Prsr i progetti promossi dagli Enti Locali delle zone collinari o rurali, in accordo con i privati, per la costruzione di impianti che producano elettricità e calore dalle biomasse legnose.

“Servono inoltre incentivi e contributi adeguati – conclude Zoffoli – per promuovere l’utilizzo per il riscaldamento nelle abitazioni di tutti i prodotti derivati dal legno, dai pellet al legno triturato, fino alla segatura e alla farina di legno. Sarebbe importante recuperare a questi fini anche i residui delle potature forestali”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.