La Regione ha esteso l’assistenza odontoiatrica agevolata per soggetti a basso reddito o con disabilità psico-fisiche

Soddisfazione del consigliere regionale Damiano Zoffoli per la misura di cui potranno beneficiare altre 3.000 persone nella sola provincia di Forlì-Cesena.

La commissione Politiche per la Salute e Politiche sociali della Regione Emilia-Romagna ha approvato la delibera che amplia il numero di cittadini beneficiari di cure odontoiatriche gratuite o a tariffa agevolata. Le modifiche apportate portano da 15.000 a 22.500 euro l’Isee (Indicatore situazione economica equivalente, un parametro che tiene conto non solo dei redditi, ma della situazione economica generale della persona) il tetto massimo di reddito previsto per ottenere agevolazioni.

Nello specifico, il provvedimento prevede: fino a 8.000 euro l’esenzione dal ticket; dagli 8.000 a 12.500 euro, ticket di 40 euro; dai 12.500 a 15.000 euro, ticket di 60 euro; da 15.000 a 20.000 euro, ticket di 80 euro. Per gli assistiti con reddito da 20.000 a 22.500 euro viene stabilito il pagamento a tariffa agevolata. La delibera prevede inoltre un’ulteriore integrazione degli aventi diritto, con particolare riguardo alle persone con grave disabilità psico-fisica in età superiore ai 18 anni.

“Le misure contenute nel provvedimento, che ora si rivolge ad 1.800.000 cittadini residenti nella sola categoria delle persone a basso reddito o con disabilità psico-fisiche, dovrebbero infatti estendere i benefici ad altre 30.000 persone in tutta la regione – sottolinea il consigliere regionale Damiano Zoffoli.

Dell’attuale programma regionale di assistenza odontoiatrica, avviato nel 2004, hanno già beneficiato 309.000 pazienti.

Di fronte ai problemi di tante famiglie che faticano ad arrivare a fine mese o che devono assistere persone con gravi situazioni di disabilità, si tratta di un’altra necessaria e importante risposta del nostro Servizio Sanitario Regionale”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.