Una semplice riflessione e una ragione per sostenere il Partito Democratico, a pochi giorni dal voto – 58

La caduta degli steccati simbolicamente rappresentati dal muro di Berlino e la crisi italiana della "Prima Repubblica" hanno aperto nel nostro Paese una lunga fase di transizione. La nascita del Partito Democratico è anche il frutto del cambiamento di scenario interno ed internazionale, e mi auguro che sia seguito da una maturazione più ampia che consenta, all’intero sistema politico italiano, di voltare definitivamente pagina.

Se nel passato c’era un partito che si riferiva esplicitamente ai cattolici, nel futuro c’è bisogno di partiti in cui i cattolici possano, con e tra gli altri, portare il proprio contributo di valori e di idee per costruire insieme, nella concretezza delle scelte, un mondo migliore.

La Carta dei Valori del PD sottolinea l’importanza della laicità dello Stato, che "garantisce il rispetto di ogni persona nelle sue convinzioni più profonde e assicura a ciascuno gli stessi diritti e gli stessi doveri" e che "presuppone uno spazio pubblico di libero confronto: noi concepiamo la laicità non come il luogo di una presunta neutralità, ma come rispetto e valorizzazione del pluralismo degli orientamenti culturali, e quindi anche come riconoscimento della rilevanza, nella sfera pubblica e non solo privata, delle religioni, dei convincimenti filosofici ed etici, delle diverse forme di spiritualità. Le energie morali che scaturiscono dalle esperienze culturali, spirituali e religiose, quando riconoscono il valore del pluralismo e del dialogo, rappresentano un elemento vitale della democrazia".

II PD incarna, quindi, un approccio corretto e compiuto al tema dell’incontro fra cattolici e non cattolici, superando efficacemente gli stereotipi del clericalismo e dell’anticlericalismo: pari dignità e accoglienza delle storie e dei valori, nella distinzione dei piani propria di una giusta laicità, ricordando, come affermiamo sempre nella nostra carta dei valori che "non tutto ciò che è realizzabile tecnicamente è eticamente accettabile, né è sempre utile sul piano sociale, economico, ambientale. (…) Il PD sa bene che anche la conquista di nuovi diritti può rivelarsi effimera, se non si afferma un’etica pubblica condivisa, che consenta agli italiani di nutrire un senso più alto dei propri doveri".

C’è da augurarsi che questo approccio positivo ed equilibrato sia proprio di tutti i partiti dell’Italia del futuro, in modo da spostare davvero la competizione dalle dichiarazioni ideologiche al confronto concreto sui programmi e sulle azioni.

Per me l’incontro di culture su cui costruire il futuro ha già un luogo dove inverarsi: il Partito Democratico.

È anche per queste ragioni che accorderò a Walter Veltroni e al PD il mio consenso.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.