Celiachia: anche in provincia di Forlì-Cesena i nuovi buoni spesa e la possibilità di rifornirsi di alimenti senza glutine negli esercizi commerciali, oltre che nelle farmacie convenzionate. Potranno beneficiarne più di 800 persone

“Dopo un anno di sperimentazione nelle sole province di Modena, Bologna e Ferrara, a seguito del costante confronto con l’Associazione italiana celiachia, la Regione Emilia-Romagna – dichiara il Presidente della Commissione Politiche Economiche Damiano Zoffoli – ha esteso a tutto il territorio regionale la possibilità per le persone con celiachia, un’intolleranza permanente al glutine, di rifornirsi di prodotti senza glutine a carico del Servizio sanitario regionale anche negli esercizi commerciali, oltre che nelle farmacie convenzionate”.

“Il programma regionale fa riferimento alla legge n. 123 del 2005 (“Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia”) – continua Zoffoli – che riconosce la malattia celiaca come malattia sociale e intende dunque garantire la massima accessibilità ai servizi dedicati, compresi i prodotti alimentari. I cittadini emiliano-romagnoli affetti da celiachia erano 6.179 alla fine del 2006 e nel 2007 la stima era di circa 6.800 persone. Le donne sono le più interessate e nella nostra Regione costituiscono il 66% del totale dei soggetti celiaci. Questa intolleranza alimentare è diagnosticata soprattutto nelle persone adulte, ma anche nel 15% dei bambini sotto i dieci anni, e nel 16% degli adolescenti”.

A partire dall’1 luglio 2008, quattro buoni da spendere in un mese sostituiranno, in tutta la Regione, i dodici buoni all’anno, consentendo di rifornirsi dei prodotti senza glutine in momenti diversi nel corso del mese. Ciascun buono è del valore pari ad un quarto del contributo mensile di spesa: il contributo pro-capite da parte delle Aziende sanitarie varia da 45 a 140 euro al mese, a seconda del fabbisogno di carboidrati (individuato per fascia di età e genere).

I buoni saranno consegnati ai cittadini dalle Aziende Usl, allegati ad una lettera che descriverà e spiegherà il progetto.

Sempre dal primo luglio, sarà possibile chiedere l’elenco dei punti vendita all’Azienda Usl di residenza.

Gli esercenti interessati a vendere prodotti senza glutine a carico del Servizio sanitario regionale devono contattare l’Azienda Usl del territorio di residenza e stipulare i relativi accordi.

L’elenco dei prodotti è quello contenuto nel registro nazionale ed è consultabile nel sito del Ministero della salute e su Saluter, nella sezione dedicata alla celiachia. Sempre su Saluter, dal primo di luglio, sarà possibile scaricare anche l’elenco regionale dei punti vendita.

“La scelta di superare la fase di sperimentazione – conclude Zoffoli – è dovuta anche al positivo riscontro che i nuovi buoni spesa e l’accesso ai punti vendita hanno avuto tra le persone con celiachia: la valutazione è stata espressa in una indagine condotta attraverso un questionario, tra agosto e settembre dello scorso anno. Le novità, inoltre, sono state fortemente sostenute dall’Associazione italiana celiachia dell’Emilia-Romagna, con la quale la Regione mantiene un proficuo e costante rapporto”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.