ROBERTO RUFFILLI

(…) C’è la possibilità di sviluppare una democrazia politica e sociale, attorno allo Stato dei partiti e dei sindacati, delle autonomie e delle riforme, della programmazione e della partecipazione. Tutto questo non richiede tanto accordi su modelli globali di società. Richiede invece l’accordo sulla definizione delle regole del gioco democratico, che fissi le responsabilità politiche per la progettazione del cambiamento e le responsabilità sociali per la gestione dei servizi, e che metta le une e le altre sotto il controllo effettivo, elettorale e non, delle masse e consenta ad esse di gestire direttamente i sacrifici per una nuova espansione. (…)

Vent’anni fa, a Forlì, Roberto Ruffilli veniva assassinato dalle Brigate Rosse.

E’ possibile scaricare un interessante ARTICOLO di Nicola Antonietti, pubblicato su Europa di martedì 15 aprile 2008, dal titolo “L’ARBITRO DELLA DEMOCRAZIA”, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.