Dalla Regione una risposta concreta per le famiglie meno abbienti sulle tariffe dell’acqua. Oltre 10.000 i potenziali beneficiari nella sola provincia di Forlì-Cesena

“La Commissione Territorio, Ambiente e Mobilità – dichiara Damiano Zoffoli – ha espresso parere favorevole alla Direttiva della Giunta regionale, che introduce, prima in Italia, la tariffa sociale per il Servizio Idrico Integrato”.

La tariffa sociale verrà applicata tenendo presenti questi principi: la non gratuità dell’acqua; l’accessibilità universale a questo bene, che è un diritto inalienabile delle persone indipendentemente dalla loro condizione economica; la lotta agli sprechi.

In questa prima fase di applicazione, essa si concentrerà sul sostegno ai nuclei familiari molto deboli, e gli oneri saranno ripartiti tra tutti gli altri soggetti che usufruiscono del servizio, realizzando quindi, all’interno della tariffazione, un concreto approccio solidaristico.

Lo strumento adottato per l’individuazione dei soggetti in condizione socio-economica disagiata è l’ISEE (l’indicatore della situazione economica equivalente, anche detto “redditometro”) che ha l’innegabile pregio di essere già impiegato per valutare le agevolazioni, in particolare in materia di servizi sociali.

Si prevede un’unica soglia ISEE uguale per tutta la Regione (pari a 2.500 euro), in corrispondenza delle situazioni di massimo disagio economico-sociale, e un intervallo entro il quale ciascuna Agenzia provinciale d’Ambito Territoriale Ottimale potrà fissare, in accordo con i Comuni, il valore territorialmente più adatto per una seconda fascia, corrispondente a situazioni di disagio non estremo (tra i 5.000 ed i 10.000 euro).

“Il contributo ai beneficiari potrà avvenire o attraverso i Comuni o attraverso uno sconto diretto sulla bolletta dell’acqua. Sulla base delle prime simulazioni sono prevedibili, nella nostra Regione, contributi/sconti per 148.000 soggetti beneficiari. La direttiva costituisce pertanto – conclude il presidente della Commissione Politiche Economiche Damiano Zoffoli – una prima parziale, ma significativa, azione di sostegno in favore dei redditi delle famiglie e delle persone svantaggiate, già duramente colpiti dal fenomeno dell’aumento dei prezzi e del carovita”.

Questa tariffa sociale costituisce inoltre la realizzazione di un impegno assunto dalla Regione Emilia-Romagna con le organizzazioni sindacali e si inserisce in un confronto più generale avviato dalla Regione con le stesse in rapporto al Bilancio preventivo regionale (fondo regionale per la non autosufficienza delle persone, fondo sociale per sostegno all’affitto, ecc.).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.