Via libera in Regione al fondo per il sostegno socio-educativo, scolastico e formativo ai figli delle vittime di incidenti mortali sul lavoro

“Approvato all’unanimità in Assemblea Legislativa il progetto di legge “Istituzione del fondo per il sostegno socio-educativo, scolastico e formativo dei figli di vittime di incidenti mortali sul lavoro. Si tratta di un provvedimento molto importante a favore dei minori, che in queste tragedie subiscono sempre le conseguenze peggiori”.

Il progetto di legge nasce dalla consapevolezza delle disastrose conseguenze provocate, all’interno dei nuclei familiari, dagli incidenti mortali sul lavoro, fenomeno sociale, di rilevante gravità, che ha assunto ritmi e numeri di un bollettino di guerra.

È un bilancio drammatico, un triste record negativo, visto che il numero dei morti per incidenti sul lavoro, nel mondo, supera, o quasi, i morti per guerre o per incidenti stradali. Una brutta gara, nella quale l’Italia in Europa, e l’Emilia-Romagna in Italia, si distinguono in termini negativi.

Nel 2006 i dati, non ufficiali, indicano 1.280 morti mentre le cronache parlano di oltre trenta morti nei primi tre mesi dell’anno. Tanto è stato fatto, tantissimo rimane da fare, per arginare questo triste fenomeno e le sue inevitabili conseguenze dannose in termini di vite umane, di malattie invalidanti e di costi sociali.

“Le iniziative previste a carico del fondo regionale – dichiara il Presidente della Commissione Politiche Economiche Damiano Zoffoli – vanno incontro alle difficoltà e ai gravi disagi vissuti dai familiari delle vittime che, oltre al dolore dal punto di vista affettivo, si vedono mancare una fonte di reddito, a volte l’unica. Conseguenza di ciò è l’inevitabile contrazione delle proprie spese a discapito, fra l’altro, di quelle destinate ai servizi socio-educativi per la prima infanzia, all’istruzione e alla formazione che, in situazioni di particolari difficoltà, sono sacrificate a vantaggio di altre esigenze primarie. In tale situazione il contributo che il legislatore regionale può dare è quello di garantire la generale fruizione dei servizi socio-educativi per la prima infanzia, del servizio scolastico e formativo, concorrendo agli oneri che questo comporta, evitando rischi di abbandono o dispersione”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.