Soddisfazione per l’Irccs di Meldola, ora il governo faccia la sua parte

“Esprimo grande soddisfazione per l’attribuzione da parte della Regione della qualifica di Ircss per l’Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori (IRST) di Meldola”.

Con queste parole Damiano Zoffoli, consigliere regionale del Partito Democratico, ha commentato l’approvazione della delibera avvenuta in Assemblea Legislativa.

“La Regione ha completato l’iter di sua competenza. – prosegue Zoffoli – Ora spetta al Ministero della Salute, al quale sarà inviata la delibera, dare corso alla procedura di riconoscimento per far partire a tutti gli effetti l’Ircss”.

Gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) sono enti a rilevanza nazionale dotati di autonomia e personalità giuridica che, secondo standards di eccellenza, perseguono finalità di ricerca, prevalentemente clinica e traslazionale, nel campo biomedico e in quello dell’organizzazione e gestione dei servizi sanitari, unitamente a prestazioni di ricovero e cura di alta specialità.

L’Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori (IRST) di Meldola nasce nel 2000 quale sperimentazione gestionale come s.r.l. composta dalle quattro Aziende Usl dell’Area vasta Romagna (Rimini, Forlì, Cesena, Ravenna) e da soggetti privati no profit: fondazioni bancarie e Istituto Oncologico Romagnolo. L’Istituto oncologico dal 1979 collabora con il Servizio pubblico nei settori dell’epidemiologica, della prevenzione, della ricerca clinica, dell’assistenza domiciliare ad ammalati di tumore. L’IRST è pienamente inserito nel sistema sanitario regionale: è nodo della rete oncologica dell’Area vasta Romagna, centro HUB per attività di eccellenza (ricerca e sperimentazione). L’inaugurazione della nuova sede si è tenuta il 22 settembre 2007 alla presenza del presidente del Consiglio, del Ministro della Salute, del presidente della Regione. Ospita, tra l’altro: laboratori di bioscienze, unità operativa di radioterapia con acceleratore lineare e tomoterapia, unità operativa di medicina radio metabolica, unità di diagnostica per immagini, reparto di degenza, Registro tumori della Romagna, day hospital. Manterrà la forma giuridica di s.r.l. con i medesimi proprietari (53,27% pubblico, 46,73% privato no profit).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.