La Regione Emilia-Romagna individua nella provincia di Forlì-Cesena il polo per Information Technology ed innovazione organizzativa

La Regione ha approvato il Piano triennale 2008-2010 dell’offerta di formazione alta, specialistica e superiore in Emilia-Romagna. Il Piano si rivolge a giovani e lavoratori per offrire loro, tramite nuove tipologie di corsi post-diploma o in affiancamento al percorso di lavoro, più possibilità di acquisire nuove competenze in sintonia con i bisogni delle imprese.

Tra le novità del Piano c’è l’istituzione dei “poli tecnici” e la specializzazione delle Province in settori specifici di formazione individuati sulla base delle vocazioni produttive. Questi criteri hanno visto la Provincia di Forlì-Cesena destinata alla formazione sulla tecnologia dell’informazione (Information Technology) e sull’innovazione organizzativa. “L’offerta formativa dei poli si rivolge ai giovani, ma anche agli adulti occupati che hanno necessità di aggiornarsi. – dichiarano i Consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi – I poli tecnici, costituiti da istituti scolastici, organismi di formazione professionale accreditati, imprese ed Università, si metteranno in rete tra di loro per innovare l’offerta formativa e la diffusione di una cultura tecnica e scientifica in grado di attrarre le imprese ed i giovani”.

“Questa innovativa scelta di formazione avanzata, sarà supportata da ingenti risorse, tanto che la Regione ha messo a disposizione oltre 30 milioni di euro. – spiegano Zoffoli e Lucchi – Si tratta, quindi, di un’opportunità rilevante per il nostro sistema formativo ma, soprattutto, della prova di integrazione con il sistema delle imprese. A Cesena, infatti, circa il 70% dei giovani laureati in informatica lavora in questo settore e, ogni anno, ci sono più di 200 nuovi ragazzi laureatisi nella facoltà cesenate e pronti ad entrare nel mondo del lavoro. C’è a nostro avviso – concludono Zoffoli e Lucchi – una sfida da cogliere che riguarda le associazioni di categoria, l’Università e le singole imprese. Se sarà colta, fra pochi anni la nostra Provincia potrà candidarsi a divenire una sorta di Silicon Valley al servizio delle piccole e medie imprese innovative dell’Emilia-Romagna”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.