In Emilia-Romagna 33 milioni contro lo smog: previste azioni per una mobilità più sostenibile, per migliorare la qualità dell’aria e ridurre i consumi di energia

Il Ministero dell’Ambiente ha assegnato 15 milioni di euro alla Regione Emilia-Romagna in base al “Programma di finanziamenti per la tutela ambientale”. L’ accordo muoverà complessivamente, considerando anche l’apporto degli Enti locali e delle Aziende di servizi, oltre 33 milioni di euro.

Sono previste azioni su tutto il territorio regionale per il miglioramento della mobilità, per il contenimento dei consumi energetici e per la riduzione delle emissioni inquinanti, con un obiettivo: combattere polveri sottili e smog. Ampia la gamma di interventi che verranno finanziati e che saranno poi attuati dai singoli Comuni o dalle Province: corsie preferenziali per bus, parcheggi scambiatori, semafori “intelligenti”, piste ciclabili , ma anche rottamazione di caldaie a gasolio e adeguamento di impianti energetici negli edifici pubblici.

“In provincia di Forlì-Cesena – dichiarano Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi, consiglieri regionali del PD – sono previsti 6 interventi: 1 milione e 50 mila euro i contributi ministeriali messi a disposizione, che movimenteranno in tutto risorse per 2 milioni e 300 euro. Tra gli interventi previsti nei 2 comuni capoluogo ci sono: 19 nuovi tratti di corsie preferenziali per il trasporto pubblico locale, 17 sistemi di precedenza semaforica per autobus negli incroci, l’acquisto di due autobus a metano e di 2 minibus per un servizio di trasporto pubblico integrativo, corsie preferenziali per autobus. Un pacchetto di interventi riguarda poi l’ambito energetico: negli edifici di edilizia residenziale pubblica verranno installati sistemi di contabilizzazione del calore laddove esistono impianti centralizzati, pannelli solari per la produzione di acqua calda, interventi di isolamento termico”.

“Abbiamo aggiunto un altro tassello – concludono Zoffoli e Lucchi – alle iniziative che la Regione e gli Enti locali hanno messo in campo negli ultimi anni con gli Accordi per la qualità dell’aria. E’ da accogliere con soddisfazione questo nuovo passo nella direzione del miglioramento della sostenibilità e della qualità dell’aria nella nostra Regione. Gli interventi, che riguardano prevalentemente il miglioramento del sistema della mobilità urbana, causa principale di inquinamento, e la riqualificazione degli impianti termici, non hanno carattere sporadico, ma sono inseriti in un quadro generale di pianificazione. Auspichiamo che questa collaborazione con il Ministero dell’Ambiente prosegua proficuamente in un’ottica di condivisione delle scelte, affinché si diano soluzioni alle rilevanti problematiche attinenti la qualità dell’aria in Regione”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.