Dalla Regione nuovi sbocchi professionali per le guide e più qualità per l’offerta turistica

Un turismo di qualità passa anche per le guide turistiche: meno accompagnatori con l’ombrello alzato e più figure dall’alto profilo professionale.

Dalla Regione Emilia-Romagna arrivano segnali in questa direzione. L’Assemblea Legislativa, riunitasi in data 19 maggio 2008, ha approvato il Progetto di legge presentato, tra gli altri, dal consigliere Damiano Zoffoli, “Norme per la disciplina delle attività turistiche di accompagnamento”.

Il progetto mira ad alzare l’asticella della qualità dell’offerta turistica: “Vogliamo dare più garanzie ai turisti – commenta Damiano Zoffoli – e nuovi sbocchi professionali in questo settore, specie per chi ha ottenuto una laurea in Scienze motorie”.

Il Pdl definisce diverse tipologie professionali: “guida turistica”, “accompagnatore turistico” e “guida ambientale-escursionistica” che, a loro volta, potranno qualificarsi per specializzazioni (come cicloturismo, equiturismo o turismo subacqueo).

I requisiti fissati sono la cittadinanza italiana (o di altro Stato comunitario) oppure la residenza in Italia da almeno tre anni, l’idoneità psico-fisica (certificata dall’Ausl di residenza) e l’idoneità all’esercizio della professione. Quest’ultima si otterrà per titoli o verifiche dei requisiti, sulla base di quanto previsto della legge 40/2007.

Le Province, che potranno riconoscere anche le specializzazioni di chi è già abilitato (78 in Provincia di Forlì-Cesena, con patentino triennale), istituiranno elenchi di persone idonee alla professione di guida turistica da aggiornare ogni anno entro il 31 ottobre.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.