Approvato il Piano Sociale-Sanitario dell’Emilia-Romagna

Zoffoli e Lucchi: “Un esempio di come è possibile governare coinvolgendo l’intera società regionale”.

L’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato il “Piano Sociale e Sanitario regionale 2008-2010”. Il Piano creerà un sistema integrato di servizi sociali, socio-sanitari e sanitari, centrato sui territori, intesi come sedi privilegiate delle politiche territoriali di welfare.

“Il nuovo modello organizzativo sarà fondato sull’ambito distrettuale, luogo in cui sarà gestito anche il Fondo per la non autosufficienza. Per quanto riguarda l’assistenza ospedaliera viene confermato il modello delle reti integrate che, nel nostro territorio, si sviluppa all’interno di Area vasta e dei servizi specializzati con presidi diffusi” – dichiarano i Consiglieri regionali Damiano Zoffoli e Paolo Lucchi.

“Di fronte a noi avevamo davanti due sfide: quella determinata da una società con più anziani, più bambini e più immigrati ma anche caratterizzata da una minor solidità delle relazioni famigliari. E quella resa necessaria dalla volontà di integrare due sistemi, quello sanitario e quello sociale, diversi, poiché quello sanitario deve essere più strutturato ed aziendale, mentre quello sociale non può che essere più flessibile e personalizzato. Per l’integrazione fra due sistemi così distinti, il Piano prefigura una nuova forma di governo delle azioni, che prevede confronto e coinvolgimento di Terzo settore, associazionismo, volontariato e cooperazione sociale ed un luogo di decisione unico: il comitato di distretto. – spiegano Zoffoli e Lucchi – A noi pare che il Piano crei le condizioni per vincere questa sfida”.

“Vi è poi una forte preferenza è per la domiciliarità e per l’innovazione. – concludono i due Consiglieri regionali – Ora servirà che sui territori, in quello cesenate in particolare, si sappiano trasformare gli obiettivi in azioni concrete. Ad esempio con la creazione delle Aziende di Servizio alla Persona (ASP) che dovranno costituire il salto di qualità per ampliare e qualificare l’offerta sociale”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.